Falsi da leggere: i Canti di Ossian incantano il pubblico a Palazzo Pianetti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Falsi da leggere: i Canti di Ossian incantano il pubblico a Palazzo Pianetti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – E’ la suggestiva Galleria degli Stucchi di Palazzo Pianetti nel pomeriggio di sabato 2 settembre a far da cornice al primo de “I falsi da leggere” del XVII Pergolesi Spontini Festival, inaugurato la sera prima con lo “Stabat Mater” di Pergolesi interpretato da “Le Banquet Celeste”, gruppo di musicisti esperti nel repertorio barocco magnificamente diretti da Damien Guillon. Quello de “I canti di Ossian” (Ossian Poems) fu uno dei fenomeni letterari più eclatanti della seconda metà del ‘700: scritti da James Mcpherson ma attribuiti dallo stesso autore al mitico bardo Ossian, l’Omero del Nord, ispirarono con i loro toni di epicità e grandioso eroismo  personaggi del calibro di Napoleone e Thomas Jefferson, che ritrovarono nei testi ossianici riferimenti agli ideali patriottici ed allo spirito di sacrificio.

E’ la voce di Marcello Nardis, tenore e pianista, a dar vita alla sacralità di questi canti, musicati in nove “lieder” da Franz Schubert, rimasto anche lui impressionato dalla maestosità dei testi, tra il Giugno 1815 e il Febbraio 1817. Edoardo Coen, voce recitante, ha letto brani tratti dai testi di Ugo Foscolo, Vittorio Alfieri e Johann Wolfgang von Goethe. Hanno aperto lo spettacolo le voci di Daniele Adriani e Jaime Canto Navarro, tenori, che hanno cantato il lied “Bardengesang” (Il canto del bardo). Non delude la mise en espace di Giovanni Sinopoli, suggello di una serata incantevole alla riscoperta dei leggendari canti ossianici.

Il XVII Pergolesi Spontini Festival continua domenica 3 Settembre alle ore 18:00 con “Oriente/Occidente”, un incontro tra musicisti di diversa provenienza e cultura, presso la Casa dell’Olio e della Biodiversità di Maiolati Spontini; segue alle ore 21:00, nella bellezza del Giardino Museo Gaspare Spontini di Maiolati, la lettura de “I protocolli dei savi di Sion”, testo pubblicato in Russia all’inizio del ‘900 e ritenuto cardine della propaganda nazista per fomentare l’odio verso gli ebrei.

A cura di Gabriele Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.