Fava chiede aiuto alla Fondazione Marche per salvare l'Università a Jesi

JESI – Il presidente della Fondazione Colocci Gabriele Fava lancia un appello alla Fondazione Marche per tentare di salvare l’Università a Jesi che, dopo un ventennio di attività, rischia la chiusura. Dopo i tagli attuati da Carisj infatti – oltre 300 mila euro all’anno – a seguito della vicenda Banca Marche ora servono nuovi contributi: e così scrive una lettera, indirizzata al presidente della Fondazione Marche Francesco Merloni: “Nata nel 1995 su iniziativa di quattro soci fondatori (Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Comune di Jesi, Banca Marche e Banca Popolare di Ancona)la Fondazione Colocci ha come fine principale quello di  promuovere e favorire l’istruzione universitaria e l’alta formazione professionale, gestendo Corsi di laurea in convenzione con l’Università degli Studi di Macerata” .

Attualmente, i corsi che riscuotono maggiore interesse sono proprio quelli rivolti a creare figure professionali da destinare ad attività imprenditoriali, quali Consulente per il lavoro e Consulente per i trasporti. In questi anni, ad occuparsi del finanziamento della struttura era Carisj per il 60%; il Comune di Jesi per il 25% e il 7,5% ciascuna Banca Marche e Banca popolare: “Le recenti vicende Banca Marche e , di riflesso, la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, hanno prodotto alla Fondazione Colocci difficoltà finanziarie tali da indurci a contattare Enti, Imprese e Istituzioni regionali nell’auspicio che possano elargire contributi a sostegno della nostra attività, tenendo conto che il 75% dei nostri oltre 1000 iscritti provengono dalla Regione Marche – scrive Fava – In considerazione ciò ci permettiamo di rivolgerci alla Fondazione Marche, richiedendo un intervento finanziario da destinare ad attività formative e culturali integrative della didattica e rivolte a studenti particolarmente meritevoli”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*