“Ranuncolo Rosso”, una storia sull’amore

JESI – C’era una volta l’unità di tempo, il presunto canone fissato da Aristotele per la drammaturgia. C’era, forse, ma di sicuro non c’è più. Ne è una amabile dimostrazione il racconto breve “Ranuncolo Rosso” dello jesino Franco Duranti. Fresco di stampa, è stato messo in scena lo scorso 11 Aprile, in un affollato teatro “Il Piccolo” di San Giuseppe, nell’ambito della rassegna organizzata in collaborazione col Club Autori Jesini. Con grazia, Duranti trascina il suo pubblico, di lettori e spettatori, attraverso cinquant’anni di una storia d’amore. Una come tante, e per questo ricca del fascino del vero.
Lo fa con i dialoghi, con le voci ed i pensieri dei tre protagonisti. Le poche pennellate, agili ma precise come i tratti del disegno di Picasso in copertina, srotolano una trama affettiva che cattura, non tanto per la straordinarietà delle sue vicende quanto, con carveriana sapienza, per il fascino della sua autenticità. Ma c’è dell’altro. Già, ed è forse la peculiarità dell’opera, che non è tanto o solo una storia d’amore, quanto piuttosto una storia sull’amore e sul diverso modo di intenderlo e viverlo: da parte della coppia dei protagonisti attraverso il tempo e da parte dell’amica e confidente di lei, Valeria. Un triangolo di differente approccio emotivo, rispetto al quale sono le due donne a giganteggiare. Da un lato lei, il ranuncolo rosso, Elisa, giovane prima e donna matura poi, in perenne lotta con i suoi dubbi e le sue debolezze. Dall’altro Valeria, più scanzonata e pratica, quasi l’emblema di quegli anni Sessanta, in cui germoglia la storia e che le fanno da sfondo. Infine lui, Fausto, l’altra metà del cielo, impressionistica parabola delle varie età maschili: trasognato adolescente, milite nostalgico, marito assorbito dalla routine e dimentico delle giovanili passioni. Un libro che fa riflettere, perché il confronto con le diverse sensibilità dei suoi personaggi porta il lettore a interrogarsi su di loro ma anche e soprattutto su di sé.
A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*