Gioco d’azzardo, 17 casi in un anno: il regolamento nel Consiglio comunale di aprile

JESI – Il gioco d’azzardo è fra le più diffuse delle dipendenze. Nel 2016, sono 17 i casi registrati nel territorio dell’Area Vasta 2: un problema che rimane sommerso ma da non sottovalutare. Nelle zone di Jesi e Vallesina, il fenomeno ha interessato tutte le fasce d’età. Il gioco crea sballo, evasione ed è compensatorio nei momenti di crisi di un individuo: a livello nazionale, sulla scala delle dipendenze da gioco d’azzardo c’è il Gratta&Vinci, seguito dalle scommesse sportive e dai concorsi a base sportiva. A giocare sono soprattutto gli uomini, anche giovani: un 1/5 dei ragazzi gioca almeno più di 200 euro all’anno.

«Che fine ha fatto il regolamento per la prevenzione ed il contrasto per il gioco d’azzardo patologico? – si interroga il Partito Democratico di Jesi – Ce lo chiediamo in quanto su questo argomento due mesi fa la Giunta Bacci aveva portato in Consiglio Comunale tale provvedimento, salvo poi ritirarlo all’ultimo momento per degli approfondimenti».

Nel frattempo si era svolta una commissione di approfondimento: «Pensavamo di trovare questa pratica all’esame del Consiglio Comunale di venerdì prossimo. Invece tale argomento è stato ulteriormente posticipato e rischia di cadere nel dimenticatoio – scrive il PD – L’argomento è serio in quanto la dipendenza dal gioco d’azzardo è in forte espansione e va considerata una vera e propria malattia, la quale porta a compromettere lo stato di salute fisica e psichica del giocatore, che difficilmente riuscirà ad uscirne da solo».

La risposta dal Comune di Jesi non tarda ad arrivare: il regolamento per la prevenzione e il contrasto sul gioco d’azzardo sarà portato all’approvazione del Consiglio comunale nella seduta di aprile.

È l’impegno del presidente Daniele Massaccesi che spiega: «Dopo l’incontro con i rappresentanti dei gestori nell’apposita commissione, è stata data loro disponibilità ad un confronto sostanzialmente sugli orari delle sale da gioco. È stata formalizzata pertanto la richiesta di eventuali proposte sulla modifica dell’orario e si è in attesa di ricevere la risposta. Vi è una legge regionale a cui tutti i Comuni marchigiani sono tenuti ad uniformarsi. Jesi non fa eccezione. Tale legge dispone, dandone competenza ai Comuni, che sia vietata l’installazione di apparecchi e congegni per il gioco in locali ubicati in un raggio di 500 metri da scuole di ogni ordine e grado, con esclusione delle scuole dell’infanzia, da istituti di credito e sportelli bancomat, da uffici postali, da esercizi di acquisto e vendita di oggetti preziosi ed oro usati. Non solo: i Comuni, in ordine all’installazione di apparecchi e congegni per il gioco, possono individuare quali altri luoghi sensibili quelli in cui sono ubicate strutture per minori, giovani ed anziani, nel rispetto della normativa statale e degli strumenti della pianificazione regionale.

Jesi ha fatto la sua parte con l’apposito regolamento che è ormai definito, salvo solo per la postilla sopra richiamata. Per questo mi prendo personalmente l’impegno a far sì che la pratica sia portata nella seduta di aprile del Consiglio comunale. Ricordiamo che la legge regionale dà tempo agli esercenti fino al 31 dicembre 2019 per adeguarsi alle nuove disposizioni».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*