Guelfa o ghibellina? Jesi in cerca di una identità | | Password Magazine
Banner4Baffi

Guelfa o ghibellina? Jesi in cerca di una identità

JESI – Brand Festival. Dall’8 al 13 Aprile si terrà in Jesi la seconda edizione dell’iniziativa ideata dalla Premiata Fonderia Creativa, una squadra di giovani esperti della cosiddetta “identità di marca”. Ma l’estro sintetico dell’inglese cela molto altro e ci riguarda un po’ tutti, come ci spiega uno degli ideatori della fortunata rassegna, Graziano Giacani.
Graziano Giacani
Possiamo dire che il brand non ha solo una valenza commerciale?
“Credo che il Branding non sia orientato al prodotto come il marketing. Pensiamo ad una marca importante, tipo una bevanda zuccherata qualunque: non sarà il suo sapore o la produzione e distribuzione a renderla la più amata nel mondo, bensì tutti i valori che quel prodotto rappresenta. È ciò che non si vede che ci rende felici di acquistarla. Questi valori sono stati creati su misura per la società in cui viviamo e nascono da quello che questo prodotto ha rappresentato per la storia contemporanea mondiale. È solo un esempio, ma di fondo non si può fare un’offerta valida se non la si relaziona con le caratteristiche della società in cui si trova”.
La società jesina ha una sua identità oppure il crescente diffondersi di modelli e luoghi comuni amplificati dai social l’ha privata delle sue caratteristiche?
“Il diffondersi di modelli sociali e l’affermazione crescente dei luoghi comuni hanno anestatizzato tutte le società. La sensazione però è che ci sia un risveglio, una voglia e ancor più un’esigenza nel riprendersi le proprie caratteristiche. Credo che il digitale e il mondo dei Social Network abbiano portato l’abbattimento di tante barriere commerciali e produttive e la trasformazione in “merce” rara dei micro territori, con le loro realtà non riproducibili su scala mondiale. Una bella occasione per scavare nella storia che si cela dietro il portone di casa, per reinterpretarla e valorizzarla, nel business e nel sociale”.
Nello specifico, quali vantaggi, per un territorio, può dare la definizione di una identità?
“Credo stia nella consapevolezza profonda che alcuni dei valori che caratterizzano la nostra offerta personale o aziendale nascono dalla nostra cultura. Il primo obiettivo è generare uno spirito di appartenenza e una filosofia nel riscoprire il ‘microclima’ culturale per generare opportunità sia economiche che culturali e sociali”. A livello turistico credo che l’identità sia da cucire sulle aspettative del pubblico di riferimento e che sia strettamente legata alla vallata e ad un’offerta completa a sostegno dell’elemento più attrattivo, da identificare in base all’obiettivo e al mercato di riferimento”.
Un tempo, Jesi era la “rossa”. Dopo l’avvento del civismo, dopo l’ingresso sulla scena dei Cinque Stelle, dopo la diffusione dei social che hanno dato a chiunque la possibilità di avere una platea. Dopo tutto questo, ha ancora senso parlare di identità?
“Destra o sinistra, guelfo o ghibellino. Viviamo immersi in una società liquida dove la contrapposizione politica ha perso la sua spinta aggregante e identitaria. Forse è anche per questo che c’è sempre una maggiore esigenza di affermazione dell’identità territoriale come ricerca di un senso di appartenenza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.