Il Peso Corporeo? … questione di centimetri! | | Password Magazine

Il Peso Corporeo? … questione di centimetri!

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La Dott.ssa Letizia Saturni

SALUTE CONSAPEVOLE a cura della dott.ssa Letizia Saturni

Il Peso Corporeo? … questione di centimetri! No, non è una battuta né tantomeno una banalizzazione. E’ un invito al cambiamento!

Il peso ideale altro non è che una astrazione che condiziona la vita di molti e spesso è origine di quel rapporto Odio&Amore verso la bilancia, il peso e le proprie forme del corpo.

C’è una attenzione così alta al peso corporeo, che spesso si sale sulla bilancia facendo acrobazie e/o ad orari improponibili (all’alba!) nella speranza che quello strumento (infido) ci restituisca un numero gratificante. Ma c’è anche una attenzione focalizzata sul peso … della pasta, riso, pane o pietanza con lo scopo di attuare pedissequamente ciò che il matematico-dietologo detta ma che in genere mai appaga il nostro occhio e … stomaco.

In realtà io sono per Amore verso il proprio peso perché significa conoscersi, cioè conoscere come si è fatti, come funzioniamo. Amare il proprio peso significa essere pro-attivi per il nostro Bendessere. Pensando anche alle grammature delle porzioni aggiungo, che amare il giusto peso, si traduce in porzioni moderate, frugali e corrette che soddisfano il palato, solleticano le papille senza appesantire la digestione né affaticare inutilmente il nostro corpo e tutti i suoi laboratori metabolici.

A questo punto – in qualità di Specialista in Scienze dell’Alimentazione – dico che il peso è una situazione di equilibrio dinamico tra ciò che introduciamo (cibo liquido e solido) e cioè che spendiamo (attività celebrale, attività manuale, attività motoria …). Tale numero non è indicativo di nulla pertanto va messo in relazione all’altezza (in metri) per ottenere l’Indice di Massa Corporea (IMC = peso (Kg)/ altezza2(m)). Se il valore è compreso tra 18.5 e 25 siamo NORMOPESO.

In qualità di Health Coach Professionista mi piace piuttosto tornare sul concetto del peso come conoscenza del sé. Il nostro corporeo è composto da massa metabolicamente attiva cioè massa magra (muscoli,  organi ed ossa) e da massa grassa (grasso costituzionale e grasso di deposito) oltre ad un volume di liquidi intra ed extra cellulari. Ciò si misura grazie alla Bioimpedenzometria, esame non invasivo che si esegue in regime ambulatoriale.

Questo è il valore del peso corporeo che diventa cura del sé se attuerò azioni in grado di far diminuire il grasso di deposito se in eccesso.

Dalla pratica clinica, soprattutto nel mondo della cardiologia, ho piuttosto imparato però che c’è dell’altro o meglio c’è un altro parametro indice di buona salute ed è la circonferenza vita.

L’eccesso di grasso viscerale è un indicatore attendibile di rischio cardiovascolare e al suo aumentare , aumenta di oltre il doppio il rischio d’infarto al miocardio.

I dati prudenziali consigliano di mantenere un girovita di 88 cm per le donne e di 98 cm per gli uomini.

Ecco spigato perché per me il peso corporeo è una questione di centimetri.

Bisogna dunque tirare la cinghia. Nessun riferimento alla malandata situazione economica quanto piuttosto un caloroso invito a mantenere il girovita in zona sicurezza senza inasprimenti e/o ulteriori restrizioni dietetiche quanto piuttosto diventando più attivi. Solo così, si perde peso, si riduce la circonferenza e si mantiene la massa magra integra e tonica a discapito della massa grassa che inesorabilmente andrà scomparendo. Buon allenamento e … centimetro in tasca!

Per appuntamento: 347 4351576 – www.letiziasaturni.it 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.