In Vallesina arriva lo "Staff per l'innovazione" | | Password Magazine

In Vallesina arriva lo “Staff per l’innovazione”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – Un aiuto concreto alle imprese della Vallesina per analisi di mercato, business plan e “ lo staff per l’innovazione” della Confartigianato formato da professionisti esperti in diverse discipline,  a disposizione del tessuto produttivo, il tutto finalizzato ad aiutare le aziende ad innovare ed investire sul territorio, grazie alle risorse messe a disposizione dai bandi comunitari. Nel periodo che include la grande Recessione,secondo uno studio di Confartigianato, poco meno di 1 impresa manifatturiera su 2 (45,4%) ha svolto attività innovative. Circa la metà (48,1%) delle imprese ha innovato sia il prodotto che i processi aziendali. Le relazioni di distretto sono importanti in questo contesto. Il 10,8% delle imprese manifatturiere innovatrici ha stipulato accordi di cooperazione per l’innovazione. La propensione a collaborare più elevata nel settore è con i fornitori (6,7%), seguono le società di consulenza (6,6%) e i clienti (5,5%); la cooperazione con le Università, Istituti di istruzione superiore e Istituti di Ricerca è pari al 5,3%.

C’è il  luogo comune, dice Andrea Rossi responsabile innovazione di Confartigianato, secondo il quale le piccole imprese svilupperebbero scarsa capacità innovativa. Al contrario. L’artigianato e le piccole imprese sono impegnati nell’innovazione e nella formazione  e contribuiscono a mantenere elevata la qualità  del made in Italy con una costante attività di miglioramento dei prodotti e dei processi produttivi.Si tratta di un’attività che finora non è mai stata sufficientemente ‘misurata’ dalle statistiche ufficiali, anche perché è spesso nascosta all’interno della filiera produttiva.Ma da parte delle micro e piccole imprese c’è  un  costante lavoro di sperimentazione, la propensione a individuare soluzioni creative, l’ utilizzo di nuove tecnologie.

La conoscenza non può essere più soltanto incorporata nelle macchine e nell’investimento scientifico-tecnologico, ma diventa conoscenza diffusa, relazionale e a rete.

Per questo Confartigianato, ribadisce Giuseppe Carancini segretario della Confartigianato di Jesi,  ha istituito una task force di operatori per aiutare le aziende ad innovare ed investire sul territorio anche utilizzando i fondi europei. La Confartigianato è a disposizione per analisi di fattibilità, di mercato e realizzazione di business plan, un affiancamento alle aziende per raggiungere gli obiettivi di sviluppo.

Una necessità di innovare resa più urgente dal fatto che le nostre imprese subiscono la concorrenza di sistemi produttivi che possono godere dei bassi costi di produzione ai quali si accompagna, in alcuni casi come Cina e India, anche un rapido sviluppo tecnologico. È perciò indispensabile affrontare la sfida offrendo al nostro sistema produttivo occasioni per rafforzare e sostenere processi di innovazione e di internazionalizzazione. La sfida che si pone a livello locale è quindi quella di sviluppare politiche integrate che coinvolgano i vari attori in gioco (imprese, istituzioni, università, associazioni di categoria) in modo da costruire un quadro di collaborazione volto a offrire opportunità di sviluppo economico e crescita al territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.