Innovazione e Responsabilità: "Nuovo cimitero: responsabili sì, ma non buonisti !" | | Password Magazine
Lulù  

Innovazione e Responsabilità: "Nuovo cimitero: responsabili sì, ma non buonisti !"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

MOIE –  Pubblichiamo di seguito nota stampa arrivata dal gruppo consiliare Innovazione e Responsabilità a proposito del nuovo cimitero, firmata dal capogruppo Aldo Cursi:

“Sconcertante! Dopo una lunga battaglia politica che ci ha visto impegnati a scongiurare un progetto di nuovo cimitero, da noi già giudicato troppo costoso, localizzato in un’area a rischio esondazione e causa di ulteriore lacerazione nei rapporti a livello intercomunale, ci si scandalizza che con la dovuta determinazione, informiamo i cittadini sulle  ricadute negative  di questa scelta, che viene confermata dall’Amministrazione!

Della serie: comportatevi da opposizione, ma non troppo! Secondo noi è stata l’ Amministrazione a comportarsi in modo poco responsabile!

È forse responsabile  venir meno ad un impegno del vostro  programma elettorale 2014, sulla necessità di una rivisitazione del progetto di nuovo cimitero? È  forse responsabile che un Amministrazione in carica da oltre 12 anni lasci perdurare il problema del cimitero e poi blinda la Sua soluzione con il pretesto che non c’ è più tempo?

È forse responsabile tentare di far passare la rottura di un consorzio di comuni che dura da oltre cento anni, come una cosetta di poco conto senza conseguenze pratiche sui cittadini?

È forse responsabile accusare la nostra lista di non aver fatto proposte, quando nel dibatto consiliare abbiamo proposto un metodo di lavoro inclusivo dei comuni del consorzio  per arrivare ad una localizzazione  condivisa e nell’ immediato, un progetto di ricomposizione urbanistico/architettonica del cimitero  esistente che desse il tempo necessario alla compimento del percorso localizzativo proposto?

No! Non è responsabile!  Noi stiamo solo rispondendo per le rime, alla vostra irresponsabilità nell’ arroccarvi sulle vostre scelte, a prescindere da ogni altra e legittima osservazione. Questa occasione inoltre è emblematica per rendere chiara ai cittadini una  cruda realtà!

L’ associazionismo intercomunale non è un dibattito accademico, circoscritto al perimetro del  ceto politico-istituzionale locale (furbesco tentativo di incorporazione del comune di Rosora docet! ).

Il fatto che i comuni si associno  o meno fino alla fusione, per gestire meglio i servizi, ha una ricaduta diretta ed immediata sulle tasche dei cittadini. Questo ne è un esempio emblematico! Non potevamo fare a meno  di metterlo in evidenza! Quanto alla proposta di confronto pubblico, agitato come una specie di clava politica, non ci intimorisce. Anzi fa parte della sana democrazia partecipativa! Ci corre l’ obbligo di sottolineare però, che forse era meglio farlo un pò prima, visto che, come l’ Amministrazione dice, non c’è più tempo.

Comunque noi siamo pronti! L’ Amministrazione sa come e dove trovarci per fissare, giorno, luogo e modalità tecniche”.

 

Comunicato da: Aldo Cursi – Capogruppo

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.