Invisibili nei "Ristori" per la crisi Covid, le scuole di lingua spengono le luci | Password Magazine

Invisibili nei “Ristori” per la crisi Covid, le scuole di lingua spengono le luci

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
«Le disposizioni in materia sostegno economico per le attività che hanno subito uno stop a causa delle misure anti-Covid previste dal DPCM del 24 ottobre 2020 trascurano totalmente il settore della formazione linguistica in Italia, ed in particolare il settore dell’organizzazione dei soggiorni linguistici in Italia – si legge nel documento, già sottoscritto da oltre 2 mila persone – Il decreto contiene addirittura un elemento discriminatorio in quanto si introducono fra i beneficiari del ristoro le aziende con codice ATECO 855209 (Altra Formazione Culturale), ma non quelle con il codice ATECO 855930 (Scuole e Corsi di Lingua).

Il DPCM del 03 novembre rende la situazione del nostro settore ancora più allarmante stabilendo che “i corsi di formazione pubblici e privati possono svolgersi solo con modalità a distanza” e trascurando totalmente il fatto che la didattica a distanza non è un’alternativa praticabile.

Il DPCM ristori bis, pur allargando la platea dei nuovi codici Ateco beneficiari dei ristori in seguito alle nuove misure restrittive relative alle zone rosse, continua a non inserire il codice ATECO 855930 (Scuole e Corsi di Lingua).

Si tratta di una grave omissione ed è inammissibile che pure sexy shop, agenzie matrimoniali, attività di tatuaggio e piercing, negozi di animali e dog sitter e negozi di armi nel nostro Paese vengano prima della cultura.

Il comparto dell’educazione linguistica è in ginocchio da febbraio prima a causa della chiusura delle nostre scuole per Decreto e, dopo la riapertura, per la drastica riduzione di clientela dovuta alla quasi impossibilità di offrire corsi di gruppo per ottemperare alle regole di distanziamento sociale».

Venerdì scorso, le scuole di lingue e i centri di certificazione linguistica hanno spento le luci in segno di disapprovazione nei confronti dell’ultimo DPCM e del Decreto Ristori bis.

Ad aderire alla protesta anche Giuseppe Romagnoli, imprenditore e titolare della scuola di lingue International House The Victoria Company, con sedi ad Ancona e a Jesi:«Il settore è in piena crisi con studenti costretti ad interrompere i corsi di lingua – afferma -La crisi sanitaria priva in questo modo i giovani della possibilità di diventare competitivi in un mondo sempre più globalizzato ed i nostri studenti non possono dimostrare la competenza linguistica acquisita poiché le sessioni di esame sono state annullate. Per non parlare dei piccoli studenti cui è tolto il diritto di socializzare e di svilupparsi come individui, nonostante le nostre scuole abbiano aule con pochi studenti e dove è possibile apprendere in sicurezza».

Le scuole di lingue devono adeguarsi ed accettare le restrizioni imposte dai decreti assistendo al tracollo finanziario delle attività e risultando completamente invisibili agli occhi dei legislatori che non tutelano minimamente il mondo votato all’educazione, soprattutto dei più giovani: «Le associazioni del comparto comprendono i tempi che stiamo vivendo ed è per questo che sin da febbraio ci si è adoperati per poter operare in sicurezza – aggiunge Romagnoli – Ma ora è urgente l’appello al Governo affinché sostenga il settore».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.