Jesi, dal 13 al 17 marzo una mostra sui progetti per la riqualificazione del Prato - Password Magazine
banner fondazione

Jesi, dal 13 al 17 marzo una mostra sui progetti per la riqualificazione del Prato

JESI – Una mostra aperta al pubblico per presentare dei progetti di riqualificazione delle zone del Prato, Santa Maria del Piano, Porta Valle, stazione ferroviaria, Grammercato realizzati dagli studenti del corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura dell’Università Politecnica delle Marche.

E’ questa l’iniziativa che avrà luogo dal 13 al 17 marzo, presso le sale espositive del Consorzio Agrario in Viale Trieste e che conclude un percorso di lavoro durato circa un anno.

Questa sarà l’occasione per far dialogare Università, Amministrazione e cittadinanza sulle criticità, esigenze, priorità e desideri di questa parte di città.

Sono tre i temi individuati grazie ad un lavoro di ricerca dell’Università come di primario interesse: mobilità e infrastrutture, residenza e lavoro, spazio pubblico e servizi.

L’iniziativa prenderà il via lunedì 13 marzo e prevede l’instaurazione di tavoli di dialogo e confronto attraverso il coinvolgimento, in ognuno di essi, di esponenti del quartiere Prato incentrando il discorso sui temi sovraesposti.

Ciascun tavolo sarà gestito da un moderatore, che rappresenta il gruppo di ricerca dell’Università e che presenterà il tema e solleciterà il dibattito. Una volta terminati i lavori, seguirà un quadro riepilogativo unitario, tendente a dimostrare come il progetto di architettura sia capace di risolvere, oltre le questioni di organizzazione spaziale e funzionale anche le istanze di qualità del vivere in comunità all’interno degli spazi pubblici delle città.

I risultati dei tre tavoli saranno al centro di un documento di sintesi che sarà poi consegnato all’Amministrazione comunale in occasione del convegno di chiusura, in programma giovedì 16, con inizio alle ore 16, sempre presso il Consorzio Agrario ed aperto a tutti coloro che vorranno partecipare. La conferenza, sempre organizzata dal corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura della Politecnica delle Marche, prevederà la partecipazione di professionisti di chiara fama che declineranno i temi d’uso della città attraverso le loro opere di qualità.

Il lavoro dei tavoli partecipativi sarà poi strumento e incipit per l’Amministrazione comunale per avviare, a partire da questa lettura dei luoghi oggetto di analisi dell’università e filtrati attraverso la lente della cittadinanza, un lavoro di progettazione strategica.

Sull’iniziativa è così intervenuta Valeria Malappioni, assessore ai Lavori pubblici:

«Rispetto all’accordo iniziale tra Università e Comune di Jesi abbiamo chiesto una restituzione alla città del lavoro svolto – ha sottolineato l’assessora ai lavori pubblici e urbanistica – e un ulteriore passaggio di confronto, così da mettere l’Amministrazione comunale nelle condizioni di accogliere un contributo progettuale degli studenti, ma anche grazie agli stimoli che emergeranno nei tavoli di confronto, e che saranno uno strumento utile per noi, per avviare nel migliore dei modi quel lavoro di progettazione strategica su questa parte della città».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.