Jesi, ecco le previsioni di bilancio del Comune per il 2021 | Password Magazine

Jesi, ecco le previsioni di bilancio del Comune per il 2021

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Presentato oggi il bilancio di previsione dell’anno 2021 per il Comune di Jesi. Dopo la gratificazione da parte dell’Università Cattolica di Milano, che ha inserito Jesi nella dodicesima posizione tra i comuni con più di 40mila abitanti, il Sindaco Bacci e la giunta comunale si dicono soddisfatti per l’ultimo bilancio in gestione, prima delle prossime elezioni.

“Nove anni fa volevamo un cambiamento e a livello di gestione di numeri e dati, c’è stato un cambiamento sostanziale in tutto. Non accettare i cambiamenti significa non andare avanti e non affrontare il futuro. Noi lasciamo la città con un bilancio inferiore e con investimenti spettacolari. – spiega il Sindaco Massimo Bacci – Partivamo da una situazione complessa, con debiti molto elevati. Negli anni siamo riusciti a risparmiare mediamente dai 5 ai 6 milioni l’anno, riuscendo così a tenere in equilibrio i bilanci del comune, senza tuttavia ridurre i servizi. I servizi sono anzi aumentati, e gli investimenti effettuati e in corso riguardo vari ambiti della vita cittadina”.

Bacci01 (1)

Con la Legge di stabilità del 2018 il Comune ha potuto fare nuovi investimenti, lasciando opere per circa 50 milioni di euro, con un debito ridotto al 20% rispetto alla precedente amministrazione.

È stato anche riscontrato una riduzione del costo del personale, ridotto di 3 milioni, anche grazie alla digitalizzazione di alcuni servizi comunali: con un cambiamento di approccio nel lavoro, sono stati assunti più giovani, con 20 nuove assunzioni solo nell’ultimo anno, per un turnover di circa 50% nel quinquennio.

“A fronte di una riduzione dell’indebitamento, abbiamo incrementato gli investimenti. 14 milioni di cantieri attualmente in attività. Nel bilancio 2021 la previsione è quella di un’apertura dei cantieri nel primo semestre, per opere già finanziate, per ulteriori 18 milioni. In pochissimi mesi sono oltre 30 milioni di opere solo nell’ultimo anno, tralasciando i precedenti interventi” spiega l’Assessore all’Urbanistica Roberto Renzi.

Sebbene di misura inferiore, si stanno implementando anche i servizi dedicati alla raccolta differenziata, soprattutto per quanto riguarda l’anello del Centro Storico.

Un lavoro straordinario è stato fatto per i servizi alla persona: gli investimenti effettuati per l’ambito del sociale ammontano a circa 7 milioni. Apriranno presto i cantieri anche per lavori straordinari per la Casa di Riposo, per un costo di 6 milioni.

Anche l’edilizia scolastica ha avuto la sua parte: ai 6 milioni di interventi, tra i più grandi effettuati, per la Scuola Lorenzini, si aggiungono i 4 milioni spesi per verifiche sismiche ed interventi nei vari edifici scolastici delle Scuole Borsellino, Garibaldi e Palestra Carbonari.

Da qualche settimana si stanno inoltre completando numerosi interventi sulla viabilità e sulla pavimentazione stradale e dei marciapiedi nelle zone principali della città. Non mancheranno inoltre degli investimenti per quanto riguarda la pubblica illuminazione: l’investimento è di oltre 5 milioni di euro, insieme a Jesi Servizi, per quanto riguarda la parte storica e monumentale della città. In merito si sta effettuando una gara d’appalto tra 16 ditte, e una commissione tecnica si sta occupando della questione.

Sono previsti anche degli interventi di manutenzione straordinaria nei cimiteri, anche quelli rurali.

Non mancano gli investimenti sullo sport: oltre alla menzione sui lavori svolti sulla nuova Piscina Comunali, sono previsti ulteriori investimenti per il nuovo Palascherma, che andrà a sostituire l’attuale sede della società jesina, diventando anche Centro Federale per il Fioretto Femminile.

Uno spazio di riflessione è stato destinato anche per i 2 milioni del lascito Morosetti, con i quali avverrà il completamento delle 2 piazze principali, a seguito dei lavori di pavimentazione.

Prima toccherà a Piazza della Repubblica, poi a Piazza del Duomo: «Sarà la piazza degli eventi e della cultura, insieme alle strutture del Teatro Moriconi e Mestica, che avranno ulteriori attività di investimento per allestire attività culturali- spiega Bacci- La decisione dello spostamento della fontana è avvenuta con un passaggio democratico, votato in consiglio comunale e se qualcuno vuole interromperlo con un referendum, che lo faccia in tempi brevi. Comprendo il sentimento dei cittadini, sono stato il primo a nutrire dei dubbi: poi approfondendo, e vedendo il risultato finale, ho capito che era la scelta giusta. Il bilancio dimostra che non abbiamo mai giocato. Noi stiamo andando avanti e stiamo investendo soldi pubblici e il bilancio dimostra che non abbiamo mai giocato».

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.