Jesi, l'Ente Palio San Floriano incontra i candidati sindaco | Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi, l’Ente Palio San Floriano incontra i candidati sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Continuano i confronti tra candidati alla poltrona di primo cittadino in vista delle elezioni di domenica 12 giugno.

A fare da cornice all’incontro a cui hanno partecipato Marco Cercaci, Antonio Grassetti, Lorenzo Fiordelmondo e Matteo Marasca  – assente la candidata di Lavoro e Libertà Paola Cocola – è stata la sede dell’Ente Palio San Floriano, associazione che organizza l’evento.

Al centro del dibattito inevitabilmente sono stati posti i temi della cultura e del turismo, con gli sfidanti che si sono caratterizzati per aver dato luogo ad un confronto costruttivo e privo di polemiche.

Uno sguardo rivolto al futuro, alla visione di un Ente Palio centrale nel panorama associazionistico culturale e turistico jesino. Questo è ciò su cui Emanuel Santoni, presidente dell’Ente Palio, ha orientato la discussione, illustrando le finalità dell’associazione, descrivendone l’operato e ponendo l’attenzione sulle criticità organizzative, come il reperimento di sempre maggiori risorse per fronteggiare costi come quelli legati ai piani sicurezza.

«Le associazioni come questa possono aiutare la politica a fa ritrovare l’identità e a legare ancora di più il nostro territorio. Bisognerà verificare se ci sarà la possibilità aumentare, alla luce delle disponibilità della Regione, le risorse a disposizione per un’iniziativa che fa già da collante» sostiene Antonio Grassetti, candidato sindaco di Fratelli d’Italia.

La cultura è al centro del programma anche di Matteo Marasca (liste civiche) che sostiene: «Dovranno proseguire le forme di contribuzione a sostegno della manifestazione. Abbiamo intenzione di inserire nel nostro programma varie iniziative su personaggi storici della nostra città. In questa direzione può inserirsi l’Ente Palio con cui studiare altri progetti oltre al tradizionale Palio di San Floriano».

Marco Cercaci (Italexit) evidenzia l’aiuto fondamentale che il Comune deve dare alle associazioni per crescere e consolidarsi sempre più: «Ritengo fondamentale l’unione tra cultura, turismo e commercio. Chiaro: se il Comune crede veramente nelle possibilità del Palio deve aiutare l’associazione come avviene nelle realtà più forti e consolidate, anche negli aspetti più pratici. C’è necessità di puntare in alto e dare lustro alla nostra città e a questa importante associazione».

Lorenzo Fiordelmondo (centrosinistra) crede nell’idea di «un progetto di sistema urbano coeso, qualcosa da cui sia impossibile sottrarsi.  La nostra intenzione è quella di creare un piano regolatore della cultura, con il Comune nel ruolo di incubatore di progetti che compongono un piano culturale. I vari soggetti saranno protagonisti di questa realtà, se decideranno di farne parte, e l’Amministrazione spingerà affinché si trovino i finanziamenti per chi aderisce al piano».

Tutti i candidati sindaco si sono trovati in sintonia sull’eventualità in caso di elezione di aumentare le attività di scambio culturale con i comuni gemellati e a favorire qualora possibile anche nuovi gemellaggi, nel nome soprattutto di Federico II, che potrebbero sicuramente arricchire il Palio. Al termine dell’incontro, il presidente Emanuel Santoni e la vice presidente dell’Ente Palio Silvia Pennacchioni hanno omaggiato i candidati con una campanella in ceramica, simbolo della tradizione legata a San Floriano.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.