Jesi, lotta allo spreco alimentare: in arrivo risorse per interventi del Terzo settore - Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi, lotta allo spreco alimentare: in arrivo risorse per interventi del Terzo settore

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Da sx: Matteo Donati, Michele Abiusi, Samuele Animali, Gabriele Cinti, Marco d'Aurizio, Mauro Torelli, Francesco Bravi

JESI – Intercettazione e distribuzione gratuita dell’eccedenza alimentare, accanto alla promozione e alla realizzazione di un sistema a rete finalizzato a queste attività.  Risiedono in queste azioni gli interventi di economia solidale, lotta agli sprechi alimentari e prevenzione della produzione dei rifiuti messi in campo da Comune di Jesi e associazioni del Terzo settore e che ben presto saranno realizzati grazie a risorse ottenute dal bando promosso da Regione Marche. 
Dal bando sono stati ottenuti 37 mila euro per l’acquisto di strumenti e materiali e che saranno ripartiti tra Fondazione P. Oscar, Orto del Sorriso, Adra, Croce Rossa, San Vincenzo de Paoli, Ss. Annunziata per l’acquisto di beni e servizi e altri 6 mila per azioni formative e divulgative, di sensibilizzazione.

«Un finanziamento destinato al Comune, capofila del progetto, ma che testimonia l’importanza delle realtà del Terzo settore sul territorio – fa sapere il vice sindaco e assessore ai Servizi sociali Samuele Animali -. Il progetto era già in essere in forma embrionale dall’anno 2013 grazie alla volontà del Comune di Jesi e delle associazioni aderenti, partner del progetto. Le risorse ottenute da Regione Marche permetteranno di migliorare e ottimizzare il recupero e distribuzione dei beni alimentari, sviluppando anche iniziative di sensibilizzazione rivolte al mondo della scuola e delle imprese».

A Fondazione P. Oscar, in particolare, andranno 7500 euro per l’acquisto di un armadio congelatore, strumenti professionali, contenitori isotermici e buste sottovuoto per la conservazione degli alimenti; all’Orto del Sorriso spettano 17.800 per l’acquisto di scaffalature di stoccaggio viveri, una cella frigo, macchina sottovuoto professionale, contenitori e buste, abbattitore;  ad Adra spettano 3 mila euro per dotarsi di un armadio refrigerato e uno congelatore; 3 mila a Croce Rossa Jesi per due armadi refrigerati; 2 mila alla San Vincenzo de Paoli per scaffalature per stoccaggio viveri, 4.700 euro a SS Annunziata per un murale refrigerato.

20220829_110605

Il progetto avrà una durata di 5 anni per garantire il massimo sviluppo in ordine temporale e poter impostare una modalità permanente di recupero alimentare. Parole di soddisfazione dai rappresentanti delle realtà jesine del Terzo Settore. Per Marco d’Aurizio, direttore della Fondazione Caritas Padre Oscar, «è importante la collaborazione con le istituzioni e con le altre realtà del Terzo settore per potenziare un meccanismo che c’è e che funziona e raggiungere risultati più incisivi»; per Matteo Donati dell’Orto del Sorriso «per stoccare il cibo raccolto occorre dotare l’associazione di strumenti, così da poter migliorare le attività di trasformazione nel nostro laboratorio, intercettando ad esempio la frutta in eccesso e farne marmellata». Entusiasta della rete anche Michele Abiusi di Adra, secondo cui «c’è collaborazione tra associazioni in caso di esuberi alimenti o necessità»; per Gabriele Cinti della San Vincenzo de’ Paoli «situazioni di difficoltà spingono le famiglie a rivolgersi sempre più alle associazioni; a Jesi non ci sono casi di povertà estrema ma è aumentato il numero delle famiglie che seguiamo, passate da l’8% della popolazione (3200 persone) del 2019 al 12% (4700 persone)». A chiusura il presidente della Croce Rossa di Jesi Francesco Bravi che ha parlato di circa «trenta le famiglie assistite da CRI Jesi».

Dall’attuazione del progetto, si prevede di passare dagli attuali 20 quintali di frutta conferita in un anno solare ai 50 quintali; per la verdura, l’incremento previsto è dai 15 ai 30 quintali; per i prodotti freschi come i formaggi, da 1 a 2 quintali; per la pasta fresca, dagli 80 chili ai 200; per la carne, dai 2,5 quintali a 5; per il pesce da 100 chili recuperati attualmente in un anno ai 500 chili.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.