Dalle scuole, il rilancio dei quartieri che presentano più criticità

JESI – Si è svolto presso la scuola Federico II, l’incontro richiesto dalla dirigente Maria Costanza Petrini con l’assessore ai servizi educativi Barbara Traversi, per conoscere gli orientamenti dell’Amministrazione comunale rispetto ad alcune problematiche legate all’edilizia scolastica e poter fornire un quadro della situazione ai genitori che, proprio in queste settimane, iscrivono i propri figli a scuola per il prossimo scolastico.

Alla presenza anche del presidente del Consiglio di Istituto Pittori, dell’insegnante Masè e di alcuni rappresentanti dei comitati di quartiere Prato, San Giuseppe e Borgo Minonna, l’assessore ha spiegato che i lavori presso la primaria Mazzini proseguono regolarmente e consentiranno di inaugurare la scuola ristrutturata il prossimo settembre come previsto. Ha inoltre annunciato che sabato 2 marzo, dalle 10 alle 12, il cantiere sarà aperto a genitori e insegnanti interessati a visitarlo, alla presenza di rappresentanti della ditta impegnata nei lavori, per fornire tutte le informazioni e spiegazioni richieste.

Quanto alla Garibaldi, l’avvio dell’intervento è previsto per la primavera, anche se non c’è ancora una data precisa. Si comincerà con i locali del primo piano, nel plesso che ospita anchela Bibliotecadei Ragazzi ela Ludoteca Comunale, per poi procedere con il grosso del lavori nell’altro plesso durante il periodo di chiusura estiva della scuola.

Si è parlato anche di scuole dell’infanzia ed in particolare delle iscrizioni nelle scuole Giraffa, Santa Maria del Piano e Anna Frank che dovrebbero registrare, stando ai dati demografici, un consistente incremento degli alunni.

“Se, come speriamo, l’Ufficio Scolastico ci concederà due ulteriori sezioni di scuola dell’infanzia in questo Istituto Comprensivo – ha spiegato l’assessore Barbara Traversi – l’Amministrazione comunale si attiverà immediatamente  per realizzare i locali necessari ampliando la scuola Anna Frank, che si presta bene a questo tipo di intervento, sia per la disponibilità di ampi spazi esterni di proprietà comunale che per la struttura modulare della scuola”.

L’assessore Traversi ha ringraziato i rappresentanti dei comitati di quartiere per essere riusciti ad intervenire nonostante la convocazione informale e lo scarsissimo preavviso ed ha sottolineato come la vita della scuola debba interessare non solo le famiglie con bambini, ma tutta la cittadinanza.

“Dalle scuole – ha concluso l’assessore – vogliamo far partire il rilancio dei quartieri più in difficoltà della nostra città. Per questo abbiamo dato la massima priorità agli interventi edilizi che le riguardano, abbiamo investito gli unici residui di bilancio 2012 relativi ai servizi educativi  in progetti di integrazione nell’Istituto Federico II e sempre qui abbiamo orientato i contributi messi generosamente a disposizione dalle cooperative Futura e Tadamon, con il progetto lettura-intercultura “E ridevano nella stessa lingua”, a cui stanno collaborando anchela Biblioteca Comunaledei Ragazzi e l’associazione La strada di Achille”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*