Jesiamo e Patto x Jesi si mobilitano: "La Regione restituisca il maltolto ai disabili" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesiamo e Patto x Jesi si mobilitano: "La Regione restituisca il maltolto ai disabili"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La Regione restituisca il “maltolto” ai disabili. E’ il grido di protesta dalle liste civiche di maggioranza Jesiamo e Patto x Jesi che domani (martedì 20 ottobre) si mobiliteranno alla volta del Consiglio regionale, per interrogare il presidente Ceriscioli e la sua maggioranza sul ripristino del Fondo sociale. Dei 34 milioni di euro destinati a gestire i servizi a favore delle persone disabili, ridotti a poco più di 1 milione dal precedente Esecutivo, Palazzo Raffaello non riuscirà infatti a garantirne più di 15, nonostante la promessa fatta dal Governatore delle Marche a Comuni e a Parti sociali durante la campagna elettorale.”Ceriscioli aveva assicurato che, a Giunta rinnovata, il suo primo impegno sarebbe stato quello di ripristinare totalmente il Fondo sociale – ha spiegato il consigliere comunale e presidente di Jesiamo Paolo Cingolani in sede di conferenza stampa – Alle promesse però non sono seguiti i fatti. Senza il ripristino totale del Fondo, i Comuni non potranno razionalizzare i servizi, quando non attivarli, per mancanza delle necessarie risorse economiche. Saranno le famiglie degli utenti a pagare le scellerate scelte della Regione”. E non solo. Molti lavoratori del settore vedranno ridotto sia il loro orario di lavoro che il salario, quando non addirittura licenziati. “Una situazione di inaudita gravità – aggiunge il consigliere comunale Giancarlo Catani di Patto x Jesi – I servizi saranno messi a dura prova, è opportuno che Ceriscioli mantenga le sue promesse”.

L’attuale dirigenza politica ha già inviato una lettera al Presidente Ceriscioli, sottoscritta anche da consiglieri di minoranza tranne che dagli esponenti del PD, ed ha aperto un tavolo tecnico con cooperative ASP9, dipendenti delle cooperative sociali ed i rappresentanti delle famiglie interessate dal problema. Tuttavia, di fronte al silenzio della Regione, la scelta resta quella di marciare verso il Consiglio regionale per dare voce alle persone disabili: “Non deve passare il messaggio che sia il Comune il responsabile della mancanza dei servizi –  ha aggiunto Paola Lenti, consigliere comunale di Jesiamo – L’Amministrazione comunale, fresca dell’inaugurazione del nuovo complesso Maschiamonte, ha dato più volte prova di sensibilità sulla questione, attivandosi anche per informare e coinvolgere i comuni limitrofi”. Conclude il consigliere di Patto x Jesi Alfredo Punzo: “Non è una protesta per andare contro qualcuno ma per ottenere qualcosa: ci stiamo mobilitando perché c’è un problema reale che riguarda le persone. Basta con la politica dei consensifici, ripristinare il Fondo sociale è soltanto questione di scelte politiche. Ebbene, speriamo che vengano fatte le scelte che servono davvero alle persone”.

Per avere informazioni sulla possibilità di partecipare alla protesta: segreteria@jesiamo.it o tel. 347 4843641

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.