Maggioranza jesina: No a tutti i regimi totalitari e antidemocratici | Password Magazine

Maggioranza jesina: “No a tutti i regimi totalitari e antidemocratici”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Maggioranza jesina composta dalle civiche: Jesiamo-Jesinsieme, Patto x Jesi, Insieme Civico
JESI -Sulla mozione presentata dai consiglieri di Jesi in Comune ad oggetto “Adesione appello: Mai più fascismi” i gruppi di maggioranza Jesiamo, Jesinsieme, Patto x Jesi, Insieme Civico scrivono:
«Abbiamo scelto da persone libere, nel pensiero e nel confronto come nelle diverse sensibilità. Con la nostra successiva risoluzione non abbiamo detto no solo al fascismo ma a tutti i regimi totalitari e a qualsiasi altra forma anti-democratica riferita sia ad un buio passato che ad un presente in cui fenomeni di discriminazione di razza, pensiero, religione, cultura sono da condannare e, se possibile, prevenire.

Abbiamo detto no, e questo va sottolineato, anche ad una possibile strumentalizzazione politico-elettorale. Un manifesto di ideali e valori, presentato in questo momento e vista la natura di alcuni sottoscrittori, rischia di venir trasformato in un invito al voto di parte nelle prossime elezioni di Marzo.

L’attuale maggioranza condanna senza se e senza ma ogni forma di fascismo, lo fa per sua natura e per scelta di ogni singolo suo componente.
Nel momento in cui si invita questa Amministrazione ad orientare la propria attività in base a questi enunciati si assume e si lascia intendere che la stessa, fino a questo momento, non lo abbia fatto.

L’attuale Amministrazione ha da sempre con i fatti e non con i manifesti perseguito la democrazia, l’integrazione religioso – culturale dei popoli, coinvolgendo in questo processo le classi di età più giovani dimostrando una importante sensibilità sull’argomento.
Elenchiamo, a questo proposito, alcune delle situazioni su cui invitiamo a riflettere: l’ampia e crescente partecipazione di giovani a progetti quali “La Memoria va in bici” e “Pietre della Memoria”, la presenza di studenti quali protagonisti ad ogni celebrazione del 20 giugno, la consegna della Costituzione ai neo diciottenni il 2 giugno, l’impulso dato alla Consulta per la pace ad accogliere rappresentanti delle nuove etnie presenti in città, il coinvolgimento dei “nuovi jesini” nella celebrazione del 20 luglio, le manifestazioni in occasione del Giorno della Memoria, la promozione della conoscenza fra gli studenti verso i massacri delle Foibe istriane, le attività del progetto Chromaesis.

Fatti concreti declinati in ogni momento della vita della città, non solo enunciazioni che, ad un mese dalle elezioni politiche, hanno francamente un retrogusto strumentale».
 
 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.