Maiolati: si dimettono 7 consiglieri, Consiglio comunale sciolto. Consoli: «Atto di irresponsabilità» - Password Magazine

Maiolati: si dimettono 7 consiglieri, Consiglio comunale sciolto. Consoli: «Atto di irresponsabilità»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Stamattina si è formalmente sciolto il Consiglio Comunale di Maiolati Spontini per dimissioni contestuali della maggioranza dei consiglieri comunali». Lo fanno sapere in una nota i consiglieri Alessandro Amadio, Giordano Spugni e Marco Santarelli della lista civica ‘Insieme per i Cittadini’ che hanno lasciato gli scranni della maggioranza insieme anche ai consiglieri all’opposizione Leonardo Guerro e Giancarlo Focante (M5S), Irene Bini e Silvia Badiali (Percorso civico), protocollando oggi le loro dimissioni.

«In questi tre anni e mezzo di mandato del sindaco Consoli, il Comune di Maiolati Spontini, i suoi cittadini e le sue istituzioni, hanno vissuto una giunta sorda ad ogni richiesta di dialogo e collaborazione, anche proveniente dagli stessi consiglieri di maggioranza, assente tanto nelle aule comunali quanto nel territorio, autoreferenziale, litigiosa, incapace di garantire una comunicazione istituzionale puntuale ed efficace – si legge nella lettera sottoscritta dai 7 consiglieri – Un’amministrazione, quella del Sindaco Consoli, che ha visto il venir meno, dopo i precedenti abbandoni, anche della fiducia del Vicesindaco Mario Pastori. Un Sindaco che ad oggi non è ancora riuscito a sostituirlo, segno evidente del malessere di una giunta arrivata ormai a fine corsa. I sottoscritti, consapevoli ed amareggiati della straordinarietà della situazione, ma altrettanto convinti che la parola debba tornare alla cittadinanza, rassegnano, contestualmente e congiuntamente, le presenti dimissioni».

A seguito delle dimissioni dei sette consiglieri ci sarà lo scioglimento del Consiglio comunale per assenza del numero legale, la decadenza del sindaco e degli amministratori e la nomina di un commissario.

«Un atto di irresponsabilità totale nei confronti dell’operato dell’Amministrazione e – fa sapere il sindaco Tiziano Consoli – un gesto irriguardoso nei confronti dei cittadini che attraverso le elezioni hanno dato mandato a me, come sindaco, e alla lista “Insieme per i cittadini” di portare avanti una programmazione già realizzata in parte e su cui si stava lavorando con grande impegno per completarne l’attuazione. La nomina di un commissario non porterà certamente ad una sviluppo in senso operativo delle questioni ancora aperte perché si potrà andare avanti solo con la gestione ordinaria e tutta la progettazione, dalle politiche spontiniane a quelle per le infrastrutture, dalla sicurezza e alle politiche familiari, decadrà. E questo proprio ora, in una fase la cui delicatezza dovrebbe essere evidente a tutti, con da una parte il post pandemia, da cui stavamo comunque uscendo in maniera positiva, e dall’altra la gestione dei fondi del Pnrr da programmare e l’emergenza del caro bollette che ci obbligava a prendere decisioni quanto mai urgenti. Insomma, sono stati atti dimissionari irriguardosi e ingiustificati, non proporzionati e non veritieri rispetto alle presunte motivazioni delle dimissioni. Anche riguardo alla questione del vicesindaco, ci stavamo accingendo a nominare una figura che avrebbe preso il posto di Pastori. Il dato politico inesorabile è che la Lega trova conforto e un alleato nel Pd per mettere in atto un’azione distruttiva nei confronti di un’Amministrazione che stava lavorando a testa bassa su tante questioni. Solo per citarne alcune, proprio in questi giorni abbiamo ricevuto l’atto dalla presidenza della Repubblica che corona il percorso che avevamo avviato per l’acquisizione del titolo di città, e abbiamo trovato una strada positiva per la vicenda dell’apertura di un negozio di alimentari a Maiolati capoluogo. Queste dimissioni, che ovviamente sono per me fonte di grande delusione e amarezza, denotano la completa e totale incapacità di leggere la politica, oltre che mancanza di senso civico, maturità e responsabilità nelle decisioni che vengono prese. 

Abbiamo fatto un lavoro pazzesco in questi tre anni e mezzo e posso dire, con grande tranquillità, di aver sempre governato con senso di equilibrio e nel rispetto dei cittadini, non guardando alla politica dei partiti ma all’interesse della comunità». 

Dal PD circolo di Maiolati Spontini, il segretario Giovanni Perticaroli commenta:  «Non è un giorno di festa, in un periodo come questo affidarsi a un commissario non è la scelta migliore per un territorio con le sue difficoltà. Se ne va comunque una Giunta includente».

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.