MeetUp Jesi su Torre Erap: “Un grattacielo, senza fondamenta. Il permesso è scaduto”

JESI – “Avevamo ragione. E lo abbiamo sempre saputo: il permesso che l’ERAP aveva ottenuto nel 2015, per costruire il grattacielo in via Tessitori, è scaduto.”

Meet Up Spazio Libero Jesi ribadisce la non validità del permesso per la costruzione del grattacielo a 7 piani in via Tessitori datato effettivamente 30 luglio 2015 e notificato all’Erap il 17 novembre 2015, termine iniziale per computare l’anno di tempo entro il quale – secondo gli approfondimenti del gruppo – avrebbero dovuto iniziare i lavori. L’assessore ai Lavori pubblici Mario Bucci aveva già replicato a tali accuse spiegando che non sarebbe state necessarie proroghe per costruire in quanto la scadenza dei permessi sarebbe prevista per luglio 2018, ovvero trascorsi tre anni dal rilascio.
Ma c’è il colpo di scena:

“La dirigente arch. Sorbatti, sostiene che  l’ERAP potrà comunque  costruire il grattacielo richiedendo un nuovo permesso – scrivono in una nota stampa –  Dagli approfondimenti da noi fatti non può essere rilasciato alcun permesso di costruzione del grattacielo, prima che sia approntata la progettazione esecutiva del comparto 6 Granita, prima che siano trovate le risorse finanziarie necessarie al recupero dell’intera area e prima che sia individuato il soggetto che sostituirà la STU in quei compiti, visto che quella società è in liquidazione dal 2014. Non si tratta di nostri suggerimenti ma delle modalità di attuazione  stabilite al punto 3 del dispositivo della deliberazione consiliare n. 13 del 9.02.2007 con la quale si è giunti alla adozione definitiva del Piano di recupero “Campus Boario”.

Secondo quanto riportato da Meet Up Spazio Libero, il comparto 6 Granita, oltre al grattacielo, prevederebbe diverse altre opere, per la sosta, la viabilità  e non ultimo quella del recupero della casa colonica ex Scaloni, ex magazzino del servizio comunale di  Segnaletica stradale. “Non ci risulta che la STU abbia mai redatto il relativo progetto esecutivo del comparto Granita, né che allo scopo si siano reperite le risorse necessarie a finanziare le opere. Invitiamo quindi il sindaco e la dirigenza comunale a prendere atto del contenuto della normativa del Piano Regolatore vigente e renderne edotto l’Erap affinché sia immediatamente sospeso ogni procedimento legato all’affidamento dei lavori  di costruzione del grattacielo.”

Non tarda ad arrivare la risposta del sindaco uscente Massimo Bacci, data anche la recente neo formazione di un comitato di residenti contro la realizzazione della palazzina, ovvero il Comitato Parco Granita: “Non mi limito a sottoscrivere l’appello di associazioni e personalità jesine, che mai si erano sentite prima d’ora sulla questione del nuovo palazzo di San Giuseppe (ad eccezione del meetup Spazio Libero), ma lo faccio proprio. Organizzerò in settimana un incontro all’Erap in Ancona e chiederò a un esponente del neonato comitato e a due residenti di accompagnarmi, così anche loro potranno ascoltare se vi sono possibilità di rivedere il progetto. Inoltre, sollecito fin da ora il nuovo comitato di cittadini ad organizzare un incontro pubblico in via Tessitori, prima delle elezioni, per dare la possibilità a tutti coloro che, a vario titolo, hanno ideato e approvato una decina di anni fa tale costruzione di spiegarne le motivazioni di fondo, considerando che San Giuseppe era un quartiere densamente abitato anche nel 2007: credo sia una questione di trasparenza nei confronti dei cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*