Osvaldo Pirani: "Jesi ha bisogno di unità e non di protagonismi" | | Password Magazine

Osvaldo Pirani: "Jesi ha bisogno di unità e non di protagonismi"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Di seguito, una nota da parte di Osvaldo Pirani (PD) a seguito dell’appello condiviso ieri da Ero Giuliodori:

“Tutto il mio sostegno a quanto espresso ieri da Ero Giuliodori: la sinistra a Jesi ha bisogno di unità e non di protagonismi, di programmi, di priorità definite e di idee condivise, non di ostacoli e veti incrociati al suo interno.

Parlo non a caso di “Sinistra”, intesa come Area di visione sociale e politica, e non solo di PD, perché Jesi ha bisogno di uomini che si riconoscano in un ideale unico di solidarietà e democrazia, al di là delle singole appartenenze, non di fazioni e correnti che di volta in volta possono variare a seconda delle opportunità del momento.

La tradizione storica progressista e di sinistra di Jesi deve ridare impulso alla nostra città, soprattutto in momenti difficili come quello attuale.

Jesi deve dimostrarsi capace di proporre una nuova idea di città e, soprattutto, dell’intera Vallesina. Amministrare non vuol dire gestire solo l’ordinario, ma definire attivamente una vera politica di sviluppo futuro, indicare la via, contribuire allo sviluppo integrato dei territori circostanti, essere preparati a cogliere le opportunità, compiere scelte ispirate dalle idee che hanno reso grande la storia della sinistra democratica italiana.

Amministrare una città non vuol dire solo riparare buche o riasfaltare periodicamente le strade: a questo debbono pensare gli uffici e i nostri dipendenti comunali che debbono essere valorizzati ed essere i protagonisti fondamentali della realizzazione pratica delle scelte politiche. Fare politica vuol dire fare scelte di fondo, programmare, decidere quanti disabili o anziani poter assistere, quante abitazioni poter dare alle famiglie disagiate, quanto e come rendere sicuri alcuni quartieri o come riqualificare le periferie.

È tempo che i singoli personalismi si facciano da parte e ci si riunisca sotto un’unica idea progettuale di sviluppo della città, quindi non la politica del singolo, ma la buona politica delle idee e delle persone”.

Osvaldo Pirani    

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.