Matt Cancelleria
Vai al Sito

Moie, anche Neri Marcorè testimonial della campagna #ILoveBLF

MOIE – Anche Neri Marcorè testimonial della campagna #ILoveBLFL. Il noto artista marchigiano, che ha entusiasmato lo scorso 22 marzo il pubblico accorso al Teatro Spontini per lo spettacolo “Quello che non ho”, è solo l’ultimo personaggio famoso, in ordine di tempo, ad aver prestato il proprio volto all’iniziativa lanciata dal Comune per sostenere la biblioteca La Fornace di Moie. Dopo Francesco Pannofino, a gennaio a Maiolati Spontini sempre nell’ambito della stagione teatrale organizzata in collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini, anche Neri Marcorè ha voluto regalare uno scatto dentro la mega cornice di legno dove risalta la scritta “I Love Biblioteca La Fornace”. Un modo per testimoniare il proprio apprezzamento alla struttura, ma anche per ricordare la possibilità dell’Art Bonus, che il Comune ha deciso di utilizzare a favore dei progetti de La Fornace. La prima a inaugurare la campagna #ILoveBLFL era stata, proprio un anno fa, Stefania Sandrelli. Nel frattempo a farsi fotografare dietro il cuore e la scritta “ILoveBLF” sono stati non solo vip ma anche decine e decine di utenti e cittadini che frequentano la struttura di Moie. Lo hanno fatto per testimoniare il loro apprezzamento per un luogo “dove si incontrano libri – osserva l’assessore alla Cultura Sandro Grizi – ma soprattutto persone, idee, dove si possono frequentare corsi, laboratori, assistere a convegni o spettacoli: insomma stimoli che rendono più interessante e migliore la vita”.

Nella campagna de La Fornace lanciata sui social network si invitano i cittadini a “sostenere in prima persona i progetti di sviluppo del polo. Per partecipare attivamente alla vita della tua comunità. Perché ci tieni alle biblioteche e ai servizi culturali e ad un luogo in cui le persone possono incontrare altre persone e fare formazione permanente attraverso circoli e corsi”. L’Amministrazione comunale vuole coinvolgere i privati in un ruolo di partner. Sponsor, sì, ma anche soggetti che partecipino insieme alla biblioteca nel formulare le proposte culturali. E un modo per sostenere la biblioteca è proprio l’Art Bonus, il credito d’imposta per favorire le erogazioni liberali grazie ad un’agevolazione fiscale del 65%.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*