Movida molesta, controlli a tutela della quiete pubblica e riposo residenti - Password Magazine

Movida molesta, controlli a tutela della quiete pubblica e riposo residenti

Immagine di repertorio

JESI – Quaranticinque persone identificate, due gli esercizi controllati nella fascia serale/notturna durante il week end dal personale Volanti del Commissariato PS di Jesi, unitamente ai carabinieri. Le pattuglie, con il coordinamento del Vice Questore Paolo Arena, nell’alveo delle direttive del Questore di Ancona Capocasa, d’intesa con il Prefetto Darco Pellos, hanno attuato un servizio straordinario di controllo del territorio in pieno centro storico per contrastare gli effetti molesti della movida.

Le forze dell’ordine hanno effettuato, in particolare, sopralluoghi in corrispondenza di locali con filodiffusione musicale, divenuti nel tempo il principale polo di attrazione per moltissimi giovani. La segnalazione per musica ad alto volume nei locali ‘della movida’ costituisce infatti sul territorio una problematica ricorrente nel corso della stagione autunnale/invernale.

Gli interessi dei commercianti, comprensibili, devono necessariamente adeguarsi al legittimo diritto alla quiete pubblica e al riposo rivendicato dai residenti: la diffusione musicale incontrollata potrebbe realmente connotare la fattispecie di reato contravvenzionale disturbo al riposo delle persone (art.659 CP). 

La Polizia ricorda che nei pubblici esercizi, all’interno o in adiacenza dei centri abitati, è divieto di utilizzazione degli impianti di amplificazione e diffusione sonora installati all’aperto, se non preventivamente autorizzati ed in regola con la normativa vigente che prevede la necessaria e preventiva documentazione di impatto acustico.  Nel corso dei controlli non sono state riscontrate violazioni di sorta né eccessi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.