Piazza Colocci, emerse nuove strutture murarie | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Piazza Colocci, emerse nuove strutture murarie

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto d'archivio

JESI – Si continua a scavare, in Piazza Colocci, alla ricerca di nuovi dettagli rimasti per secoli intrappolati sotto ai nostri piedi. Giorno dopo giorno, ciò che è stato torna ad essere in un cantiere a cielo aperto, reso eccezionalmente accessibile agli occhi e al sapere per volere della Soprintendenza che, per Jesi, ha scelto di non nascondere ma di rivelare ciò che per troppo tempo è rimasto nascosto.

Il terreno restituisce pezzi di un antico passato: riaffiorano strutture murarie e reperti, come le picche degli stendardi, vasellame, monete e i resti di un focolare.

Dagli ultimi scavi, è emersa in questi giorni una nuova struttura muraria ancora tutta analizzare. I lavori proseguono, rivolti verso Palazzo Bisaccioni, riportando alla luce anche le basi di due pareti, di epoche differenti, che nei secoli sono state poi unificate trasformandosi in un muro un po’ più spesso, una “tecnica” edilizia che è abbastanza riccorrente negli edifici del Medio Evo.

Ogni scoperta è un tassello in più nel puzzle che permetterà di ricostruire l’aspetto dell’antica Piazza San Luca, dove un tempo sorgeva il primo Palazzo comunale, edificato nel XIII secolo su ciò che rimaneva dei secoli precedenti, quando la città era preda di invasioni barbariche e saccheggi e la gente vi aveva costruito abitazioni.

Ulteriori seggi di scavo riguarderanno il tratto nei pressi della Chiesa Sant’Agostino e quello che si affaccia lungo via Pergolesi.

Tutte le scoperte e i dettagli in più che via via emergeranno saranno illustrati durante le visite guidate agli scavi, gratuite e aperte a tutti gli interessati, organizzate dal Comune di Jesi in collaborazione con la Soprintendenza, ogni mercoledì e venerdì fino al 1 settembre.

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.