Elica, delocalizzazione e chiusura stabilimento Cerreto d'Esi: lavoratori in protesta | Password Magazine

Elica, delocalizzazione e chiusura stabilimento Cerreto d’Esi: lavoratori in protesta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Presidio di Mergo

MERGO – Un piano industriale che prevede oltre 400 esuberi, chiusura dello stabilimento di Cerreto D’Esi, ridimensionamento di Mergo, delocalizzazione verso est di gran parte dell’ attività produttiva.

I lavoratori dicono no a queste misure e hanno deciso di organizzare un presidio che da oggi andrà avanti tutti i giorni negli stabilimenti di Mergo e Cerreto d’Esi, nel rispetto delle regole anti covid, senza assembramenti e dalle 6 alle 21.45, in linea con il coprifuoco.

C’è sconforto e sconcerto rispetto a quanto ha comunicato ieri all’azienda ai rappresentanti dei sindacati di categoria Fim-Fiom-Uilm.

Il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha preannunciato un tavolo di confronto: «Esprimiamo la più viva preoccupazione per la comunicazione ai sindacati da parte di Elica Spa sulla riorganizzazione aziendale. Temiamo un forte impatto negativo sul piano occupazionale e sociale per la nostra regione. La Giunta Regionale convocherà  immediatamente un incontro con l’azienda e le parti sociali per scongiurare le conseguenze negative per il territorio».

«La delocalizzazione non può essere la risposta, soprattutto in questi momenti». Il commento del Presidente della Provincia di Ancona Luigi Cerioni che questa mattina ha raggiunto uno degli stabilimenti dell’Elica per unirsi al presidio del lavoratori e dei sindacati.

«Oggi siamo qui – ha detto il Presidente allo stabilimento di Mergo – perché abbiamo appreso con sgomento che ancora una volta programmi di ristrutturazione aziendale prevedono tagli drastici, se non definitivi, della capacità produttiva: questo significa ancora una volta delocalizzare. Ecco, questa non può essere la risposta, soprattutto in questi momenti. Chiediamo al governo regionale e al governo nazionale di intervenire e chiediamo soprattutto all’Azienda di rivedere la sua posizione».

«Tutto questo come ringraziamento per i sacrifici che in tempo di Covid, i lavoratori hanno fatto, anche a rischio della propria salute, per garantire la produzione – tuona Rifondazione Comunista Marche, al fianco degli operai   – ricordiamo che la regione Marche ha tra le sue leggi (un lascito della presenza di Rifondazione Comunista in Consiglio Regionale) ne ha una che consente la rivalsa e la richiesta di restituzione di tutti i fondi pubblici erogati in via diretta o indiretta alle aziende che delocalizzano. Occorrerebbe, chiedere che venga immediatamente attivata per costituire con quelle risorse un fondo e per sostenere i lavoratori e per permettere al territorio di progettare alternative non ultima quella dell’ autogestione di alcune attività è , crediamo, più di un atto dovuto».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.