«Piazza Pergolesi cambia colore» | Password Magazine

«Piazza Pergolesi cambia colore»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Preoccupa l’ingiallimento delle mattonelle che rivestono piazza Pergolesi. Le stesse che saranno utilizzate per il futuro rivestimento di Corso Matteotti, quando il restyling sarà completato.
La questione arriva in Consiglio comunale, con un’interpellanza presentata dalla consigliera Emanuela Marguccio (PD). «In Piazza Pergolesi, inaugurata l’1 febbraio del 2020, la pavimentazione sta ingiallendo a vista d’occhio, tanto che il cambio di colore del selciato è già stato evidenziato all’Amministrazione – si legge nel documento – l’ingiallimento riscontrato si è verificato in pochissimo tempo e potrebbe a breve cambiare la colorazione di tutta la piazza, che da grigia si trasformerebbe in gialla; diverse lastre della pavimentazione mostrano già alcune erosioni e abrasioni».

Piazza Pergolesi

L’Amministrazione comunale, in una precedente comunicazione, aveva spiegato che l’arenaria, la pietra scelta per la pavimentazione, «è composta di granuli che possono avere varie composizioni minerarie che ne determinano anche le caratteristiche cromatiche», tanto che «i conci in arenaria di Piazza Indipendenza presentano sfumature di due tonalità».

Secondo Marguccio però «il rapido ingiallimento della pavimentazione riscontrato in Piazza Pergolesi non ha prodotto sfumature, ma un vistoso cambio di colore in intere lastre di grandi dimensioni, alcune delle quali mostrano anche i primi segni di erosione».

Considerato che «la pietra arenaria utilizzata per Piazza Pergolesi è la medesima che è stata scelta dall’ Amministrazione per lastricare Corso Matteotti» la consigliera chiede «quali sono le motivazioni che hanno portato ad un così veloce ed evidente ingiallimento della pavimentazione in Piazza Pergolesi e come intende procedere l’Amministrazione per risolvere la problematica evidenziata, considerato che la stessa pietra è stata scelta per lastricare l’interno Corso Matteotti».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.