Polfer, intensificati i controlli nelle stazioni: migliaia di pattuglie, denunce e arresti

ANCONA – L’aggravarsi della situazione internazionale per i gravissimi episodi di terrorismo che hanno colpito anche diverse nazioni europee, l’epocale fenomeno della migrazione che vede l’Italia impegnata in prima linea, hanno fatto innalzare notevolmente l’asticella della vigilanza e della prevenzione nelle stazioni ferroviarie che, come noto, costituiscono uno degli obiettivi sensibili per porre in essere attentati, essendo luogo in cui transitano giornalmente decine di migliaia di persone.

Il treno, inoltre, è il mezzo di comunicazione più agevole per gli stranieri irregolari intenzionati ad eludere i controlli di Polizia e rendersi irreperibili nel territorio Nazionale.

Per questo, nei mesi di giugno, luglio e agosto il Compartimento Polizia Ferroviaria di Ancona ha intensificato l’attività di controllo all’interno delle stazioni e sui convogli per garantire la sicurezza dei viaggiatori, attraverso la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni delittuosi e di degrado presenti in ambito ferroviario.

In questo periodo sono state impiegate 2768 pattuglie in stazione e quasi 250 a bordo treno. Sono stati scortati complessivamente 465 convogli ferroviari (con una media di circa 5 treni al giorno) e identificate 11.288 persone.

Grazie a tale dispositivo la Specialità ha tratto in arresto ed indagato in stato di libertà, rispettivamente 8 e 52 persone. Sono stati inoltre rintracciati e riaffidati 16 minori.

Nel mese di giugno, in particolare, gli Agenti della Polfer di Ancona hanno soccorso un giovane nel pieno di un arresto cardiaco dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti.

Gli operatori di Polizia, in attesa dell’intervento dei sanitari del servizio “118”, hanno praticato, con successo, idonee misure rianimatorie per stimolare la ripresa del battito e della respirazione.

Nel mese di Agosto, inoltre, la Polfer di Ancona ha denunciato un uomo resosi responsabile di violenza sessuale nei confronti di una minorenne, mediante pesanti apprezzamenti verbali e palpeggiamenti delle parti intime.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*