Quartiere ex Smia, il mistero del suono notturno | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Quartiere ex Smia, il mistero del suono notturno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da: pagina Facebook Parco Mattei, Jesi, ex Smia

JESI – Da circa un paio di settimane, un suono notturno, preciso, costante e intermittente, tiene svegli i residenti della zona ex Smia. Può essere descritto simile a un “djü” oppure un “chiù“, non particolarmente forte, ripetuto per ore, ad intervalli regolari. Il “chiù” inizia tutte le sere alle 21 e prosegue fino all’alba. Tutti si sono domandati cosa potesse essere, facendo le ipotesi più fantasiose tanto da diventare un vero e proprio mistero, di cui parlare quando si scende al Parco Mattei o da condividere sui socil.

Molti non riuscivano a dormire e vani sono stati i tentativi di cercare la provenienza. Alla fine però, il colpevole è stato individuato: parrebbe trattarsi di un assiolo, un piccolo gufo simile per l’aspetto ad una civetta che vive tra gli alberi e che, nella notte, emette quel “chiù” ad intermittenza. Un “vicino” di casa un po’ fastidioso e rumoroso, insomma, ma che è sintomo di un ambiente prevalentemente sano.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

1 Commento su Quartiere ex Smia, il mistero del suono notturno

  1. Invece, sempre lì, c’è uno stabile dimesso,dove c’erano gli ex uffici della SMIA, cosa si vuole fare? Perché, non ristrutturarlo?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.