Riapre la Casa Museo Adriano Colocci | | Password Magazine

Riapre la Casa Museo Adriano Colocci

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Riaprirà venerdì prossimo la Casa Museo Adriano Colocci nell’omonimo Palazzo Colocci, nel cuore del centro storico di Jesi. Raro esempio ben conservato di abitazione nobiliare del XIX secolo, la struttura era rimasta per molti mesi chiusa al pubblico causa interventi di manutenzione e riqualificazione necessari a rimediare i danni provocati dalle infiltrazioni d’acqua verificatesi nell’ottobre del 2015.

Il Comune acquisì la struttura nel 1985 dall’ultima marchesa Cristina Colocci deceduta nel 2002, quattro anni dopo la scomparsa del figlio Attone. Una prima apertura al pubblico era avvenuta nel 1989, poi lo stop nel 1997 causa terremoto e ancora nel 2010. Nel 2014 una ripresa delle visite, in attesa dei lavori di rifacimento della copertura del palazzo e dell’adiacente chiesa di Sant’Agostino. Poi però il vento e la copiosa acqua piovana dell’ottobre del 2015 divelsero la copertura già insufficiente, realizzata con semplici teli di plastica, causando danni per circa 70 mila euro.  Intaccato e rovinato il parquet di alcune stanze della Casa Museo così come un presepe di carta del ‘700.

Ora il Museo Colocci è pronto a riaprire le porte, con una serata all’insegna di danze in costume e atmosfere ottocentesche. Ad attendere i visitatori tornano la preziosa mobilia, i ritratti, gli arredi e gli oggetti che accomunavano le storie di due famiglie, Colocci e Vespucci, unite nel 1853 dal matrimonio fra il patriota jesino Antonio e la fiorentina Enrichetta, ultima discendente del grande navigatore Amerigo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.