"Ricordi in Musica" una mostra unica nel suo genere | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

“Ricordi in Musica” una mostra unica nel suo genere

JESI – Ricordi in Musica, una mostra unica nel suo genere, che sigla la nascita di una raccolta permanente di dischi. Inaugurata sabato 23 marzo, presso Palazzo Bisaccioni sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, vanta un complesso di oltre 3000 dischi, sia in bachelite a 78 giri che in vinile a 33.  Tutto comincia grazie alla donazione di un autentico mecenate: il professor Sergio Angeletti, jesino da anni residente a Milano, lascia all’associazione “Raccolta Discografica Sergio Angeletti”, presieduta da Paolo Morosetti, il suo inestimabile tesoro. Il resto lo fa il Rotary Club di Jesi, che raccoglie, inventaria, ordina e seleziona alcuni di questi capolavori per la mostra di scena a palazzo Bisaccioni, sede della Fondazione, sino al 4 aprile. Un omaggio alla discografia del secolo scorso, dai suoi albori sino agli anni ’80, attraverso epoche e generi differenti: dal repertorio classico al pop, dal jazz al rock, ivi comprese le colonne sonore dei film e le musiche asservite al potere politico nella costruzione del consenso. I dischi sono stati inventariati dalla professoressa Loretta Mozzoni e dall’avvocato Paola Duca, presidentessa del Rotary Club di Jesi, e fotografati da Luciano Giuliodori. Il taglio del nastro della mostra, patrocinata dal Comune di Jesi e organizzata in collaborazione il Rotary Club di Altavallesina – Grotte Frasassi, Fabriano, Falconara Marittima, Fano, Pesaro Rossini, Senigallia e Urbino, è stato preceduto da un convegno di alto profilo, con relatori di spicco, quali Francesca Matacena, docente presso il conservatorio di Pesaro, il prof. Antonio De Simone dell’università di Urbino e Loretta Mozzoni.

«Il Rotary Club di Jesi è da sempre sensibile a ogni manifestazione artistica e culturale – ha dichiarato Paola Duca – Grazie al professor Angeletti abbiamo dato vita ad un progetto molto importante per la città e le nuove generazioni perché veicola un grande patrimonio culturale. È uno spaccato decisamente rappresentativo della musica del Novecento, 3.215 pezzi. Un risultato cui siamo giunti anche grazie al dottor Gabrio Filonzi, il governatore del nostro Distretto, che ha creduto fortemente in questo progetto, e gli altri Rotary Club che vi hanno collaborato, per una mostra che sarà infatti itinerante». Ruolo importante anche quello giocato dalla Fondazione Cassa di Risparmio, per aver concesso – come ricordato dal presidente Alfio Bassotti – in uso gratuito i locali, in conformità con la nuova mission dell’Ente. Lodi all’iniziativa sono state espresse sia dal sindaco di Jesi, Massimo Bacci, che ha ricordato come il Rotary sia sempre vicino alla città e dal vice-sindaco e assessore alla Cultura, Luca Butini, che ha sottolineato l’alto valore di un progetto, capace di aprire una finestra su un’intera epoca. Il suono del martelletto, al termine della conviviale presso l’hotel Federico II, allietata dai giovani dell’orchestra distrettuale Rotary 2090 diretta da Massimo Sabbatini del Club di Urbino, ha suggellato la fine di una intensa giornata. La quale si pone però soltanto come il nastro di partenza di una grande avventura.

 

A cura di Marco Torcoletti

 

I video dell’evento:

"Ricordi in Musica – Prima Parte"Il convegno realizzato dal Rotary Club Jesi presso Sale Museali di Palazzo Bisaccioni per inaugurare la mostra itinerante di dischi 33 e 78 giri

Pubblicato da Password Magazine su Domenica 24 marzo 2019

 

"Ricordi in Musica – Seconda Parte"Mostra itinerante di dischi 33 e 78 giri Dopo il convegno, la mostra, il concerto e l'intervista. Rotary Club Jesi presso Sale Museali di Palazzo Bisaccioni ed Hotel Federico II

Pubblicato da Password Magazine su Lunedì 25 marzo 2019

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.