Semaforo via Marche di nuovo in tilt, Lega: «Impianti obsoleti da sostituire» | | Password Magazine

Semaforo via Marche di nuovo in tilt, Lega: «Impianti obsoleti da sostituire»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sarà stata l’aria di primavera, sarà stato San Valentino, fatto sta che il semaforo di via Marche è di nuovo andato in tilt, paralizzando nuovamente un’arteria cittadina molto sovraccaricata e creando molti disagi agli automobilisti. «Sembra di rivedere un vecchio film, che puntualmente viene riproposto insieme alle proteste – scrive in una nota il coordinamento jesino della Lega Salvini Premier – Infatti è risaputo che gli impianti semaforici jesini sono vecchi ed obsoleti ed andrebbero sostituiti, magari adeguandoli alle normative vigenti per rendere la strada fruibile a tutti, però la risposta da palazzo è sempre la stessa: non ci sono soldi per sostituirli. Quindi si continua ad aggiustare all’abbisogna, tamponando alla meno peggio, sprecando soldi per sostituire dei pezzi così vecchi che neanche si trovano facilmente. Però 20.000 euro per il noleggio di due semafori intelligenti che permettono di multare chi passa con il rosso, il comune li ha trovati. Forse, prima di spendere denaro pubblico per un accessorio non certo indispensabile, sarebbe stato il caso di sostituire i semafori, aggiustare le strade piena di buche o rattoppate alla meno peggio, rifare la segnaletica orizzontale, talmente sbiadita che per attraversare bisogna ricordarsi dove erano le strisce pedonali, illuminare le strade in maniera decente e, non ultimo, rendere i marciapiedi praticabili. Solo dopo questi interventi realmente urgenti e che eviterebbero non pochi incidenti, si sarebbe potuto pensare di noleggiare semafori che aiutano a fare cassa».

Tre giorni intensi ma produttivi quelli che ha visto coinvolto il Coordinamento Lega di Jesi per il tesseramento. «Tanti nuovi iscritti e tanti i curiosi che si sono avvicinati a chiedere informazioni o semplicemente per fare due chiacchiere. Segno tangibile della voglia di cambiamento e di buonsenso. Dimostrazione che il lavoro capillare ed attento che si svolge sul territorio, oltre ad essere apprezzato, sta portando ottimi frutti. Con il tesseramento, al banchetto, si poteva anche firmare per due referendum : il primo per l’elezione diretta del Capo dello Stato e l’abolizione dei Senatori a vita ed il secondo per l’adozione del sistema maggioritario uninominale. Tantissime le firme raccolte e tante le persone che sono appositamente scese dai paesi limitrofi per firmare: purtroppo abbiamo dovuto comunicare che è possibile firmare solo nel comune di residenza. Però tutti coloro che vogliono firmare, con documento di identità, possono rivolgersi al proprio comune dove sono depositati i moduli! Le prossime settimane saremo presenti anche in altre piazze della Vallesina per ingrandire sempre di più il nostro gruppo!»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.