Spaccio nei capoluoghi marchigiani, smantellata rete criminale | Password Magazine
Festival Pergolesi

Spaccio nei capoluoghi marchigiani, smantellata rete criminale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Si è conclusa nelle ultime ore l’operazione della Polizia di Stato denominata Body Packer, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona e condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Ancona, collaborata dalle Squadre Mobili di Macerata, Ascoli Piceno, Pesaro, nonché dalle articolazioni della Polizia di Stato quali Polizia Scientifica, Unità Cinofile, Volanti, Reparti Prevenzione Crimine.
L’inchiesta trae origine da un’altra indagine conclusa nel settembre 2018 dalla Squadra Mobile e ugualmente coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona, afferente lo spaccio di sostanze stupefacenti ad Ancona, dove si evidenziava che, talvolta, i consumatori di droga utilizzavano il canale degli spacciatori nigeriani per sopperire alla transitoria mancanza di stupefacente da parte degli indagati della precedente inchiesta.
Gli elementi probatori raccolti dagli inquirenti a partire dal dicembre 2018 hanno permesso di descrivere in maniera compiuta l’organigramma di un sodalizio di soggetti criminali di nazionalità nigeriana dediti allo spaccio di cocaina ed eroina nelle città di Ancona, Macerata e Pesaro e, conseguentemente, delineare in maniera dettagliata il vincolo associativo che legava tra loro i componenti dell’organizzazione, a partire dai vertici promotori della stessa, dai corrieri e dai fiancheggiatori, nonché dai semplici partecipanti.

A capo della rete un 31enne considerato il boss e che viveva tra Ancona e Loreto: il più delle volte la droga ordinata dai clienti direttamente da lui veniva trasportata con il metodo degli ovuli ingeriti nello stomaco dai corrieri, che si muovevano principalmente in autobus. Durante il periodo di indagine gli investigatori sono riusciti ad accertare e riscontrare numerosissime cessioni di stupefacente del tipo cocaina ed eroina.
L’ordinanza cautelare emessa dal GIP di Ancona su richiesta della Procura della Repubblica procedente ha previsto 3 custodie cautelari in carcere, 7 provvedimenti cautelari del Divieto di Dimora nelle Province delle Marche.
La Procura della Repubblica ha inoltre disposto 23 perquisizioni locali e personali a carico degli indagati tra Ancona, Macerata, Pesaro e Vercelli

Nelle prime ore della mattinata odierna gli agenti delle varie articolazioni della Polizia di Stato hanno dato esecuzione ai provvedimenti cautelati disposti dall’Autorità Giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.