Studenti accolti a Moie, gruppi d’opposizione: «Cittadinanza non coinvolta nella decisione»

MAIOLATI SPONTINI – «La partecipazione dei cittadini, la capacità di ascoltare e il confronto con le realtà cittadine e le altre rappresentanze consiliari sembrano essere sparite nelle attività dell’amministrazione Consoli, per non dire che non sono mai esistite finora»: così Movimento 5 Stelle e Percorso Civico commentano le recenti vicende riguardanti l’emergenza scuola.

«Dopo aver saputo da tutte le fonti possibili (ma non nelle sedi istituzionali), e da una conferenza dei capigruppo convocata a giochi fatti, dello stato dell’arte in merito al trasferimento dell’Istituto Comprensivo Gigli di Monte Roberto presso il nuovo polo scolastico di Moie, in data 22 agosto 2019 abbiamo presentato al sindaco Consoli una richiesta formale di convocazione di un’assemblea pubblica per informare la cittadinanza di Maiolati sulle strategie logistiche previste e sulle problematiche derivanti dalla situazione creatasi – dicono i due gruppi – . Non solo non è stata convocata alcune assemblea, ma ad oggi nessun riscontro è pervenuto alla nostra istanza e le uniche informazioni continuano a circolare tra gli articoli di giornale e nei verbali del Consiglio di Istituto dell’IC Carlo Urbani. Ma come può considerarsi un’assemblea pubblica una riunione in cui possono partecipare solo i genitori?».

I due gruppi consiliari lamentano un clima fumoso: «Le decisioni di peso – sostengono le due minoranze – vengono prese per l’ennesima volta in Giunta senza alcun passaggio in Consiglio Comunale».
Contestato, in particolare, la richiesta di un canone di localizzazione «complessivo di 30.600 euro e un rimborso spese pari a 20.500», spese che i tre comuni dovranno versare a Maiolati Spontini. Secondo Percorso civico e M5S, «Da come era trapelata la trattativa con gli altri sindaci, nel nome della solidarietà, ci si sarebbe aspettato solamente un rimborso delle utenze ed un ripristino dello stato attuale delle aule, invece ci sembra che il canone di affitto richiesto si discosti un po’ dal giusto principio di accoglienza su indicato. Quello che ci chiediamo ora è se queste risorse saranno destinate a beneficio del Comprensivo per eventuali progetti scolastici o se invece andranno a rimpinguare le casse comunali…».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*