Tutto esaurito per la prima del "Nabucco" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Tutto esaurito per la prima del "Nabucco"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Domenica 18 ottobre alle ore 16 a Jesi la replica del “Nabucco” di Verdi per la 48ª STAGIONE LIRICA DI TRADIZIONE del TEATRO G.B. PERGOLESI. Grande successo per la prima dell’opera andata in scena venerdì 16 ottobre in un teatro gremito fino al loggione. Per la replica, ancora disponibili i posti di loggione in vendita nel giorno stesso della rappresentazione.

Prosegue al Teatro Pergolesi la mostra fotografica di Armando Ariostini dal titolo “Scorci d’Opera. Lo Smartphone” spia i più bei teatri del mondo”.

Grande successo e tutto esaurito al Teatro Pergolesi di Jesi, venerdì sera, per la prima del “Nabucco” di Verdi che ha inaugurato la 48^ Stagione Lirica di Tradizione a cura della Fondazione Pergolesi Spontini. Per la serata inaugurale, tanti gli applausi e grande emozione anche per la dedica dello spettacolo all’archeologo siriano Khaled Asaad – custode dell’antico sito di Palmira, ucciso dai jihadisti per non aver rivelato il nascondiglio di inestimabili reperti romani.

L’opera, uno dei più amati titoli verdiani, sarà replicata domenica 18 ottobre alle ore 16; una recita che si avvia – come nel caso della prima – verso il tutto esaurito. Ancora disponibili i posti di loggione, che verranno messi in vendita nel giorno stesso della rappresentazione.

Il titolo nasce da una coproduzione Fondazione Teatro Comunale di Modena, Fondazione Pergolesi Spontini e Fondazione Teatri di Piacenza, dall’allestimento dell’Ópera de Tenerife – Auditorio “Adán Martín”. Ne cura regia e scene il modenese Stefano Monti con l’intervento straordinario di elementi scenici dello scultore Vincenzo Balena, costumi di Massimo Carlotto e luci di Nevio Cavina. La direzione musicale è affidata ad Aldo Sisillo alla guida dell’Orchestra dell’Opera Italiana e di un cast che vede nei ruoli principali Carlos Almaguer (Nabucco), Maria Billeri (Abigaille), Ramaz Chikviladze (Zaccaria), Leonardo Gramegna (Ismaele) ed Elisa Barbero (Fenena). Completano la compagnia di canto Paolo Battaglia (Il Gran Sacerdote di Belo), Roberto Carli (Abdallo), Alice Molinari (Anna). Il Coro Lirico Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” è preparato da Carlo Morganti.

Arricchisce la Stagione lirica la mostra fotografica a cura di Armando Ariostini dal titolo “Scorci d’Opera. Lo Smartphone” spia i più bei teatri del mondo” al Teatro Pergolesi da venerdì 16 ottobre a domenica 13 dicembre; l’esposizione sarà visitabile durante l’apertura del Teatro in occasione delle recite della 48^ Stagione Lirica di Tradizione. In mostra, le meravigliose sale teatrali dell’Opéra Garnier di Parigi, Teatro alla Scala di Milano,  Teatro Filarmonico e Sala Maffeiana di Verona, Teatro Pergolesi di Jesi.

Tante le iniziative collaterali al cartellone lirico che dopo “Nabucco” prosegue poi tra novembre e dicembre con il “Don Pasquale” di Donizetti e  “La Vedova allegra”.

Si ripete inoltre una iniziativa di successo quale “Il libretto in 30 minuti”, breve guida all’ascolto gratuita a cura di Elena Cervigni, alle Sale Pergolesiane del Teatro Pergolesi in occasione delle varie recite delle opere liriche.

 

Programmi completi e biglietti su www.fondazionepergolesispontini.com

 

 

INFO

Fondazione Pergolesi Spontini

Tel. 0731.202944, www.fondazionepergolesispontini.com

Biglietteria Teatro G.B. Pergolesi

Piazza della Repubblica, 9 – 60035 Jesi (AN), tel. 0731 206888 – fax 0731 224105

biglietteria@fpsjesi.com

Orario biglietteria: dal mercoledì al sabato dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 17 alle ore 19.30 e da un’ora prima dell’inizio degli spettacoli nelle diverse sedi – festivi chiuso (chiusura estiva dal 29 giugno al 17 agosto 2015. Per informazioni rivolgersi agli uffici: tel. 0731 202944)

 

Ufficio stampa Fondazione Pergolesi Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.