Terremoto, situazione sotto controllo in Vallesina ma è tanta la paura | | Password Magazine

Terremoto, situazione sotto controllo in Vallesina ma è tanta la paura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI E VALLESINA  – Panico e tensione oggi nella città di Jesi e nel territorio della Vallesina per le tre forti scosse di terremoto avvertite questa mattina in tutto il centro Italia. A Jesi, tutti i dirigenti scolastici hanno adottato il protocollo di sicurezza previsto per l’evacuazione. Molti i genitori che si sono precipitati a ritirare i loro figli da scuola, accalcandosi davanti gli ingressi, con code e traffico rallentato nei pressi degli istituti.  I tecnici comunali stanno raggiungendo gli edifici scolastici per le verifiche. Non si segnalano per il momento danni.

Stessa situazione nelle località della Vallesina. Nelle scuole di Castelbellino e Monte Roberto, le lezioni sono state sospese per la procedura di evacuazione prevista. Molti genitori hanno ritirato in tranquillità i propri figli. I Sindaci si trovano al momento nei plessi ed insieme alla Dirigente monitorano la situazione. “Siete in tanti a chiamare giustamente preoccupati – fa sapere su tramite social il vice sindaco di Castelbellino Massimo Costarelli – Gli alunni sono al sicuro negli atri d’ingresso o in alcuni casi, tra gli atri ed i cortili. Sono state attivate tutte le procedure di sicurezza previste. Il trasporto scolastico sarà garantito sempre alla stessa ora. Così come la scuola rimarrà aperta rispettando gli orari vista l’impossibilità per alcuni genitori a ritirare i propri figli, anche alla fermata dei pulmini”.

“Molta paura e spavento anche tra gli alunni nelle scuole di Pianello Vallesina, sopratutto quando è arrivata la seconda scossa – ha detto il sindaco di Monte Roberto Gabriele Giampoaletti che insieme all’assessore Pettinelli e alla Dirigente scolastico è nel plesso per le verifiche –  La situazione è sotto controllo, non si riscontrano danni o lesioni agli edifici. Per una maggiore sicurezza sono intervenuti per un sopralluogo anche i volontari della Protezione civile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.