Torre Erap, impossibile tornare indietro. Assemblea pubblica di fuoco | | Password Magazine

Torre Erap, impossibile tornare indietro. Assemblea pubblica di fuoco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Su Torre Erap non si torna indietro. Questo è quanto emerso dall’assemblea pubblica che si è svolta ieri sera in un gremito Palazzo dei Convegni. Sulle pareti, gli striscioni “No Erap” dei residenti del quartiere San Giuseppe in protesta contro “il mostro di cemento” che sorgerà in via Tessitori. “Costruitelo davanti casa vostra! Noi non lo vogliamo!” tuona una platea di cittadini infuriati. Dall’altro lato, il tavolo dei relatori: il sindaco Massimo Bacci, promotore dell’incontro,  l’architetto Francesca Sorbatti, dirigente dei Servizi Tecnici del Comune di Jesi e l’Ing. Maurizio Urbinati per Erap Marche presidio di Ancona. A coordinare gli interventi il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi.

Ad assistere, tra il pubblico, residenti e rappresentanti dei gruppi politici e comitati della città.

“L’approvazione del Piano di recupero “Campus Boario” risale agli anni 2000 – racconta l’arch. Sorbatti – Il progetto prevedeva la costruzione di un edificio gemello (il mostro per l’appunto, ndr) accanto a quello già esistente e altri due palazzi. La variante è stata approvata nel 2007: il Comune di Jesi ha allora inviato la propria richiesta di fabbisogno di edilizia agevolata al fine della predisposizione del Programma provinciale triennale, conseguentemente approvato in Consiglio provinciale e all’interno del quale viene individuata un finanziamento per il Comune di Jesi pari a 1.950.000 €”. Questa la somma, concessa dalla Provincia, erogata tramite fondi regionali, per la costruzione dell’edificio a sette piani, costituito da circa 30 alloggi di circa 50-70 metri quadrati, destinati a fasce di popolazione di medio/basso reddito con abbattimento importante del canone locativo.

“Tra il 2009 e il 2010, escono due bandi: il primo rivolto agli utilizzatori degli alloggi e il secondo ai soggetti attuatori – continua  la Sorbatti – Sono 248 le famiglie che presentano domanda. Per l’opera di edilizia agevolata, invece, è solo l’Erap a presentarsi, aggiudicandosi l’appalto. La Provincia di Ancona concede allora al Comune, sulla base del progetto presentato dall’Erap, il contributo di 1.950.000 €. Nel frattempo, la STU prepara gli atti di vendita del lotto edificabile Campo Boario all’Erap di Ancona”.

L’Erap acquista il lotto ed iniziano gli studi di fattibilità. Emergono le prime criticità – come la presenza non prevista di sottoservizi nell’area e la necessaria verifica preventiva dell’interesse archeologico  – che costringono il costruttore a rinviare i lavori. Il rilascio del permesso a costruire arriva nel luglio 2015, poi prorogato nel 2017.

“L’edificio prevede tipologie di appartamenti rivolti a giovani famiglie che possono permettersi un affitto di 250/300 al mese  – spiega l’Ing. Urbinati – Il tutto nel rispetto dei parametri di sviluppo sostenibile e risparmio energetico”. Parole che a poco servono a placare gli animi di un pubblico già in subbuglio: i residenti del quartiere San Giuseppe lamentano la già scarsa presenza di parcheggi, la conseguente eliminazione di una parte dell’area verde del Parco Granita per far posto “al mostro” sacrificando uno dei pochi luoghi di ritrovo e di integrazione che esistono “in un rione già di per sé difficile, soprannominato il Bronx”.

A prendere la parola per loro è  il presidente del Comitato Parco Granita Roberto Fiordelmendo: “Saranno tolti parcheggi a chi usufruisce della palestra e del circolo ricreativo. Ai responsabili di questo progetto dico di pensare anche alle persone, non solo alle cose”. Interviene anche Ruggero Fittajoli per il Meet Up Spazio Libero Jesi: “Il progetto Campo Boario è scaduto: sono state concesse proroghe senza giustificazioni valide, ragion per cui abbiamo inviato in Regione una diffida. Il quartiere di San Giuseppe è già appesantito e non ha bisogno di ulteriore cemento: cerchiamo una soluzione politica, che preveda la reintroduzione di quei 4 mila locali sfitti presenti in città da destinare alle famiglie”.

Prende la parola anche Vittorio Massaccesi che chiede ai relatori la possibilità di affrontare e rinegoziare la questione davanti ad un tavolo.

Chiarificatore l’intervento dell’ing. Pietro Cacciani, uno dei primi progettisti del piano di recupero del Campo Boario, prima ancora che arrivasse la STU: “Inizialmente, il progetto era nato come proposta di recupero del quartiere San Giuseppe e di valorizzazione del Parco Granita:la torre non voleva sacrificare il verde ma, insieme all’edificio gemello, avrebbe costituito una sorta di porta di ingresso al parco. Vi erano previste anche modifiche alla viabilità per dare respiro alla zona”.

Il dibattito si infuoca quando l’ingegner Urbinati inizia a rispondere al pubblico: “E’ il Comune di Jesi che ci ha chiesto di costruire perché ha evidenziato un bisogno. Per quanto riguarda il recupero edilizio, da tempo l’Erap svolge interventi di riqualificazione di edifici storici e non più in uso: vedi il caso di Palazzo Santoni o i lavori in corso alle ex carceri”.

Secondo Urbinati, inoltre, l’immissione di famiglie giovani nel nuovo edificio Erap porterebbe ad un rinnovo del tessuto sociale della zona. A questo replica dal pubblico la consigliera comunale Lega Nord Silvia Gregori secondo cui gli appartamenti sarebbero “troppo piccoli per le famiglie e inoltre basterebbe inasprire i criteri per le assegnazioni delle case popolare per riequilibrare il tessuto sociale”.

C’è poi la proposta della consigliera comunale di Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra Agnese Santarelli di spostare la questione in sede di Consiglio comunale.

Proposta ben accolta dal presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi: “Il 28 luglio, data del prossimo Consiglio, i gruppi politici possono presentare una mozione correlata da nuovi spunti costruttivi e soluzioni propositive che possano dare una soluzione concreta e reale al problema”.

Problema che al momento non vede via d’uscita, è la conclusione del sindaco Massimo Bacci: “Andare indietro ora come ora è praticamente impossibile, ve lo dovevo dire in faccia – interviene il Primo Cittadino davanti un’incontenibile folla in protesta che lo costringe ad alzare i toni –  Cerchiamo soluzioni che puntino alla riqualifica del quartiere, senza focalizzarsi solo sull’edificio. La Torre Erap è eredità delle scelte di precedenti amministrazioni: l’iter procedurale è ormai avviato e oggi non c’è modo di stopparlo a meno che non se ne dimostri l’illegittimità”. Si rivolge allora a Fittajoli: “Se crede che questo procedimento sia illegittimo la smetta di mandare  diffide e si rivolga al Tar. Basta con la demagogia: si assuma la responsabilità di ciò che dice e faccia ricorso se crede nelle proprie parole, pagando in caso di errore”. Scatta immediata la risposta di Fittajoli che replica “Utilizziamo gli strumenti a nostra disposizione” e anche il consigliere comunale di Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra  Samuele Animali irrompe tra il pubblico “Sindaco, distingua bene la politica dalle questioni giudiziarie, siamo di fronte ad un progetto che oltre alla Torre Erap prevedeva altri interventi che non si sono poi più realizzati”.

“Animali, lei non mi ascolta mai” sospira il Sindaco e poi ribadisce,  sulla scia del progetto originario dell’ingegner Cacciani, di mettersi a disposizione per elaborare nuovi spunti per la riqualificazione e tutela del quartiere, modificandone la viabilità – così da renderlo più vivibile – salvaguardandone i parcheggi e magari spostando la stazione del polizia locale a San Giuseppe. Progetto condiviso anche dal neo assessore ai Lavori Pubblici Roberto Renzi.

Un po’ meno dai residenti di San Giuseppe che, a fine assemblea, sono tornati a casa custodendo la speranza di un’alternativa ma, allo stesso, riflettendo sulla possibilità reale di accettare il nuovo mostro di cemento nel quartiere.

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.