Vent’anni di Festa del BuonSenso, l’intervista - Password Magazine

Vent’anni di Festa del BuonSenso, l’intervista

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Comitato Festa del Buonsenso, da sinistra Nicolò Pierandrei (MonsanoCult), Sandro Sbarbati (ex sindaco di Monsano e fondatore della festa), Mauro Rocchegiani (MonsanoCult), Roberto Campelli (sindaco di Monsano), Maurizio Possedoni (presidente di MonsanoCult)

MONSANO – Compie vent’anni la Festa del BuonSenso di Monsano, inaugurata nel 2001 con il coinvolgimento di Dario e Jacopo Fo e Franca Rame. Dall’8 al 10 settembre si parlerà di ambiente, futuro e buone pratiche, con il ritorno dell’ospite d’eccezione Jacopo Fo. Un ricco programma per la tre giorni, secondo i tre fili conduttori di economia, energia ed educazione. Sull’evento di punta di MonsanoCult, abbiamo intervistato Mauro Rocchegiani, vice-presidente dell’associazione.

Com’è nata la sua collaborazione alla Festa del BuonSenso?

«Collaboro con Maurizio Possedoni, presidente di MonsanoCult, fin da quando dirigeva la Pro Loco negli anni ’90. Abbiamo iniziato insieme come animatori nei campi scuola e dagli anni duemila collaboriamo per MonsanoCult e alla Festa del BuonSenso».

Perché dedicare una festa al buonsenso?

«Quando Maurizio Possedoni mi ha parlato di questa festa, la cosa mi ha lasciato piuttosto sorpreso. Un evento con nome così altisonante farebbe pensare ad alte pretese. In realtà il buonsenso riguarda la nostra quotidianità, per migliorarla: inizia dal mattino quando saluti il vicino di casa, prosegue quando limiti lo spreco d’acqua e fai la raccolta differenziata, fino a tutti quei comportamenti che permettono di essere in armonia con sé stessi, con gli altri e con l’ambiente.

La festa del buonsenso, destinata a tutto il territorio, è dunque una vetrina delle possibilità che va ad esplorare idee ed esperienze sotto il comune denominatore delle buone pratiche. Non vogliamo imporre o indottrinare, ma proporre. Il “ventaglio” è stato sempre molto ampio per mostrare diverse proposte. Il dibattito infatti è il momento principale, che culmina nel contraddittorio, con ospiti che hanno anche posizioni tra loro agli antipodi.

Mauro Rocchegiani MonsanoCult
Mauro Rocchegiani, vice-presidente di MonsanoCult

Vent’anni “di buonsenso”. Cos’è cambiato e come si è evoluta la festa?

«La storia di questa festa inizia nel maggio 2001. L’allora sindaco Sandro Sbarbati voleva fare qualcosa di utile e virtuoso, di “strepitoso” detta alla Jacopo Fo. L’assessore Mauro Tommassoni, con MonsanoCult, incontrò Jacopo Fo alla Libera Università di Alcatraz (associazione culturale e casa vacanze a Gubbio gestita da Fo, ndr). Affrontarono insieme il problema del biodiesel, in cui Fo era esperto, e del suo possibile uso nei mezzi comunali. È nata così l’idea di una nuova festa del mercato equo-solidale e di un festival delle buone pratiche, inaugurate dal premio Nobel Dario Fo, da Franca Rame e Jacopo Fo, proprio a Monsano.

Negli anni sono stati numerosi gli argomenti trattati: dai riduttori di flusso per il risparmio d’acqua fino ai grandi temi d’attualità riguardanti legalità, produzione di energia, cambiamenti climatici, rifiuti e consumi. A parlarne nomi importanti come quelli di Maurizio Pallante, Alessandro Bergonzoni, don Luigi Merola, Don Luigi Ciotti, Paolo Borsellino, Salvatore Genchi, Paul Connet, Roberto Cavallo, Andrea Segrè, Domenico Lucano.

In questi anni abbiamo coinvolto la cittadinanza sia direttamente (negli eventi) che indirettamente. Infatti molte proposte uscite dalla festa del buonsenso sono state poi applicate. Monsano ad esempio si occupava di spreco dell’acqua già vent’anni fa…».

Un evento che ha creato reti sul territorio. Quali sono i vostri “partner”?

«Fin dall’inizio abbiamo cercato di promuovere la collaborazione. Con la Libera Università di Alcatraz, ma anche con l’associazione dei Comuni Virtuosi (di cui Monsano è socio fondatore) e con quanti sostengono le buone pratiche, come Legambiente, Libera contro le mafie o l’Università per la Pace. MonsanoCult da due anni fa anche parte del direttivo del coordinamento delle Associazioni di Volontariato dell’ambito 9. La collaborazione è nello spirito stesso del buonsenso, cambiare da soli è più difficile».

Le novità di quest’anno…

«Come volontari abbiamo un comitato più numeroso rispetto agli anni scorsi. Inoltre abbiamo progettato un triennio fondato su tre “e”, che abbiamo definito E3: economia, energia ed educazione. Sono tre aspetti inscindibili che torneranno di anno in anno. In tal senso la festa diventa un vero e proprio “appuntamento” che coinvolge gli ospiti invitandoli a proseguire con le buone pratiche anche durante l’anno. Non a caso nell’edizione 2022 il focus è il futuro, a medio e lungo termine, ma anche le comunità energetiche. Cercheremo di dare una visione a 360° su pro e contro, in maniera scientifica, senza sostituirci alle istituzioni ma stimolandole. Parlare del domani è diventato quantomai urgente. Monsano ha iniziato un discorso ecologico proprio in vista di un futuro sostenibile. Dopo due anni di stop dovuti alla pandemia, vogliamo tornare a lanciare segnali, ci crediamo fortemente».

Nel primo ventennio si chiude un cerchio: torna Jacopo Fo. Ci dia un accenno della sua performance

«Lo spettacolo di Fo, dal titolo “Ecologia, follia e dintorni remix”, si terrà il 9 settembre alle 21.30. Parlerà, con l’ironia che lo caratterizza, di comunità energetiche e di linee guida per lo sviluppo sostenibile. Un “comico” (come si definisce) ben informato su argomenti complessi che propone creativi antidoti “contro la guerra, contro l’inquinamento, contro la noia”. Informazioni e biglietti su www.festadelbuonsenso.it ».

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.