A Jesi la comunicazione sportiva con Luca La Mesa e Carlotta Silvestrini

JESI – Jesi protagonista nel workshop di ieri, 3 Marzo, svoltosi nella Sala Convegni dell’Hotel Federico II. Tema del pomeriggio di formazione è stata la comunicazione sportiva in epoca social: introdotti da Graziano Giacani, ideatore del Brand Festival, i relatori d’eccezione sono stati Luca La Mesa,Social Media Consultant per Wengage, che in questi anni ha collaborato alla comunicazione per importanti brand quali AS ROMA, FENDI, Bulgari, Fiorello, Internazionali BNL d’Italia, Olimpiadi di Rio 2016 e Olimpiadi invernali Pyeongchang 2018, e Carlotta Silvestrini, esperta in strategie di rebranding.

Jesi come teatro di due grandi eventi di entità nazionale, messi strategicamente in comunione nel pomeriggio di ieri: la finale di Coppa Italia di Basket “Old Wild West”, dal 2 al 4 Marzo, e il Brand Festival, dal 6 al 13 Aprile. Un contesto non tradizionale per la comunicazione, non solo perché settoriale e relativa ad un panorama in continuo aggiornamento quale la comunicazione 2.0, ma anche perché discussa in un borgo italiano, e non in una grande città industriale.

Ma Jesi può vantare di essere sempre al passo, grazie anche al progetto pilota di iBeacon, presentata da Andrea Zannoni dell’azienda Proxity: i beacon sono dei particolari strumenti, installati al Palazzetto dello Sport “E. Triccoli” di Jesi, capaci di intercettare nel raggio di 800 metri la presenza di smartphone. Tramite questi strumenti è possibile lanciare campagne di comunicazione o informazioni utili in tempo reale, mentre si assistono alle partite. Un coinvolgimento anche online quindi, non solo offline.

La nostra identità è data dalle persone, dal progetto e dal luogo in cui siamo. La comunicazione ha lo scopo di veicolare quello che l’azienda vuole far conoscere al pubblico: non è il fine, ma il mezzo. È importante capire cosa comunicare afferma Graziano Giacani, fornendo l’assist, per rimanere in tema, a Luca La Mesa.

La Mesa ha così raccontato la sua pluriennale carriera nella comunicazione attraverso casi concreti e le maggiori campagne social di successo da lui create, evidenziando come il mondo dello sport, così come quello del fashion e delle celebrità, abbia maggiore rimbalzo nei social network.

“In un panorama di sovrabbondanza di contenuti, con rischio di cecità, un brand riesce ad emergere, e riemergere, comunicando i suoi valori. Questo vale anche e soprattutto nel mondo dello sport, che può comunicare un sogno alle generazioni del futuro. Noi comunicatori, noi Brand, dobbiamo fornire dei modelli di pensiero”  aggiunge in conclusione Carlotta Silvestrini.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*