Al Teatro Pergolesi, Dante in musica… ed emozioni  | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Al Teatro Pergolesi, Dante in musica… ed emozioni 

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tante emozioni. Quelle suscitate nel pubblico del teatro Pergolesi di Jesi dallo spettacolo “Dante in musica”, produzione della Musical International Company, in scena domenica 22, nell’ambito del XXI Festival Pergolesi Spontini. Tratto da “La Divina Commedia Opera Musical”, da oltre dieci anni nei maggiori teatri italiani, la regia di “Dante in musica” è affidata ad Andrea Ortis, che propone il viaggio del sommo poeta nei regni dell’oltremondo in un intreccio di voci, musica e danza. La solitaria voce del fiorentino, affidata ad Antonello Angiolillo, affiora dalle tenebre, dando forma ai fantasmi dell’alta fantasia: di Beatrice, Francesca, Pier delle Vigne, Ugolino, Catone, Pia, Matelda, cui prestano di volta in volta le sembianze Myriam Somma, Noemi Smorra, Antonio Sorrentino e Antonio Melissa. Il concerto, in un alternarsi di brani cantati su base orchestrale e brani in prosa, accompagnati dalle evoluzioni del corpo di danza, si mantiene sempre su ritmi sostenuti. Calzanti e convincenti i testi, vergati dal poliedrico Ortis, che presta anche il volto a Virgilio, e da Gianmario Pagani. L’esemplarità dei personaggi e la potenza delle loro vicende sono magistralmente amplificati dalle musiche del maestro Marco Frisina, da una sapiente scenografia, nonché dai giochi di luce firmati da Virginio Levrio. Suggestive le coreografie di Massimiliano Volpini, che danno corpo e ritmo al tendersi delle emozioni, grazie all’ottima performance del corpo di ballo, formato da Matiacaterina Mambretti, Raffaele Iorio, Michela Tiero e Danilo Calabrese. Due ore scarse, durante le quali gli occhi ed il cuore non possono che restare incollati al palcoscenico. Nel complesso un insieme ben amalgamato di talenti, tra i quali merita una menzione anche Francesco Iannotta al suono. Dal viaggio di Dante a quello della tournée di questi artisti che, dopo un anno e mezzo di impedimenti causa covid, si profila finalmente sotto il propizio segno degli astri. Ossia pronto a riveder le stelle.

A cura di Marco Torcoletti

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.