Art Bonus, grazie a Ottica Franco Carletti il restauro di "Noli me tangere" conservato in Pinacoteca | | Password Magazine

Art Bonus, grazie a Ottica Franco Carletti il restauro di “Noli me tangere” conservato in Pinacoteca

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Grazie all’Art Bonus e alla sensibilità di aziende e privati che contribuiscono al recupero di beni storici e artistici della città, è stato finanziato l’intervento di restauro di un altro tesoro della città: si tratta del dipinto a olio su tela raffigurante “Noli me tangere” di Arcangelo Aquilini, conservato nella Civica Pinacoteca di Jesi. Il restauro, approvato nel 2008 dalla Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici delle Marche per un importo complessivo 7500 euro più IVA e trasporto,  è reso possibile grazie alla generosità di Ottica Franco Carletti.

La tela – dipinto a olio su tela centinata, cm 243×178  – è opera del pittore jesino Arcangelo Aquilini ( Jesi 1562- Spoleto 1611)che insieme ad Andrea di Bartolo e Andrea di Jesi rappresenta uno dei maggiori esponenti della famiglia degli Aquilini, pittori per otto generazioni dal secolo XV – XVIII. A lui, recentemente, è stata ricondotta la produzione che, nello spoletino, andava sotto il nome di ” Maestro di Porretta”.

L’opera versava in pessime condizioni conservative: il supporto tessile si era distaccato dal telaio, vi erano tre cuciture longitudinali, forature e lacerazioni di considerevoli dimensioni; una parte di dipinto, probabilmente quelle in cui era apposta la firma, era stata asportata in basso a destra per una superficie di circa 15 centimetri quadrati; rilevate anche cadute di materia pittorica diffuse su tutta la superficie e spesse stratificazioni scure di polveri e untume. Ora la tela sarà recuperata e tornerà al suo antico splendore.

Si tratta del decimo bene della città che sarà recuperato grazie all’Art Bonus e all’iniziativa di privati.
E’ ancora in fase di esecuzione il restauro del Blasonario di Adriano Colocci (anno di pubblicazione: 1916), conservato presso la Biblioteca Planettiana, possibile grazie alla sensibilità di una coppia di privati cittadini – Luca Tombari e Michela Caprio  – per un importo complessivo di 557, 54 euro.

L’elenco selle opere ammesse ad Art Bonus e ancora in attesa di un mecenate é consultabile sul sito del Comune di Jesi.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.