Ospedale Urbani, Bacci contro Mezzolani: "Si dimetta". | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ospedale Urbani, Bacci contro Mezzolani: "Si dimetta"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Mi domando come mai i consiglieri Badiali e Giancarli non chiedano le immediate dimissioni dell’assessore regionale alla sanità Mezzolani dopo le imbarazzanti dichiarazioni di ieri. Sono pronto a sottoscrivere la loro richiesta”.

Così il sindaco Massimo Bacci che aggiunge: “Mi era stato dato dell’irresponsabile quando, nell’estate scorsa, avevo espresso seri dubbi sull’impegno solenne che aveva preso Mezzolani, di fronte ai Sindaci della Vallesina ed agli operatori sanitari, di completare il “Carlo Urbani” entro dicembre 2013. Una conferenza stampa dello stesso assessore, con Badiali e Giancarli presenti, aveva ribadito il rispetto dei tempi previsti, ritenendo le mie polemiche assolutamente strumentali.

Ebbene, oggi veniamo a sapere che, se tutto va per il verso giusto, il completamento dell’ospedale sarà portato a termine non prima del prossimo ottobre. È una vergogna!

Se Mezzolani avesse un minimo di dignità – prosegue il sindaco di Jesi – dovrebbe subito lasciare il suo incarico per manifesta incapacità. Perché con la sua gestione assessorile del tutto inefficiente, sta facendo pagare alla comunità centinaia di migliaia di euro per spostare i pazienti da un ospedale all’altro della città, dopo aver depotenziato i servizi sanitari in maniera inaccettabile, elemosinando dal privato le risorse per le sale operatorie, lasciando senza primari reparti di eccellenza come Medicina e Chirurgia, rendendo i tempi delle liste di attesa per qualsiasi visita fuori dalla grazia di Dio, intasando ulteriormente il pronto soccorso per effetto della chiusura di quello dell’ospedale di Chiaravalle.

Mi auguro – conclude Bacci – che di fronte a questa ennesima presa in giro nei confronti di 110 mila abitanti di Jesi e della Vallesina, vi sia uno scatto d’orgoglio da parte degli amministratori di questo territorio. Convocherò i Sindaci del distretto perché non è più accettabile questo assordante silenzio intorno ad una vicenda che grida vendetta. Ed invito il Pd locale ad uscire allo scoperto, perché una sanità pubblica che funzioni, che sia efficiente, che sia rispettosa del cittadino non ha un colore politico. È di tutti, e tutti devono fare la propria parte. Cosa che, è fin troppo evidente, fino ad oggi non è stata fatta, con gli inevitabili risultati sotto gli occhi dei cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.