Baravano alla roulette, danni fino a 22 mila euro. Cinque giovani accusati di frode informatica | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Baravano alla roulette, danni fino a 22 mila euro. Cinque giovani accusati di frode informatica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce



MONSANO – Erano circa due mesi che l’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Jesi, diretta dal Maresciallo Roberto SCARPONE e coordinata dal Tenente Maurizio Dino-Guida, tentava di incastrare alcuni giovani che periodicamente si erano resi responsabili del reato di frode informatica all’interno della sala slot PARADISE di Monsano.

Ad accorgersi gli stessi militari, che da diverso tempo seguivano un gruppo di 5 giovani tra i 20 e i 23 anni, composto da due albanesi e tre italiani, i quali puntualmente erano soliti vincere cospicue somme di denaro.

E’ stato sufficiente guardare attentamente le registrazioni delle telecamere installate all’interno, per accorgersi che il gruppo, dopo essersi attestato su 5 delle 8 postazioni della roulette, dopo aver scelto il numero,  a partita avviata, utilizzando uno strumento acuminato, successivamente accertato essere la chiave di un’auto, facevano leva sul vetro del cilindro (la cosiddetta ruota) e, dopo averlo sollevato, con un’operazione repentina tale da non essere visibile se non guardando attentamente le registrazioni, posizionavano la pallina sul numero sul quale avevano puntato, originando quindi una vincita. Ovviamente, tutti insieme sceglievano solo e soltanto un numero, che solitamente era lo zero verde.

Questa notte, verso l’una e trenta, i militari hanno atteso che il gruppo come di consueto entrasse nuovamente nella sala slot per sorprenderli in flagranza di reato.

Determinante è stata anche la collaborazione del titolare, il quale, nel quantificare il danno approssimativamente in 22 mila euro circa, ha sporto formale querela nei confronti dei giovani, alcuni  noti ai militari, in capo ai quali  è stata inoltrata informativa alla Procura della repubblica di Ancona, addebitando ad ognuno ed in concorso tra loro il reato di frode informatica continuata.

Sono  in corso tutt’ora indagini per verificare se analoga frode informatica sia stata messa a segno anche in altre località della provincia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.