CaPaBrò, la band jesina conquista l'Italia con "Maria Antonietta" | | Password Magazine

CaPaBrò, la band jesina conquista l’Italia con “Maria Antonietta”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Affrontare le mille difficoltà quotidiane per crescere, cercando ogni volta il modo di superarle. E perché no, anche divertendosi. Questa è la filosofia dei CaPaBrò, la band jesina che, nata nel 2014, è in tour per l’Italia con “Maria Antonietta“, il loro singolo.

Sin dalle prime note, i CaPaBrò incontrano i primi ostacoli, con la fuoriuscita del chitarrista per divergenze artistiche: ne nasce la nuova – e anche attuale – formazione composta da Diego Brocani (basso e voce), Giorgio Pantaloni (batteria) ed Elia Ciabocco (chitarra), tutti d’età compresa tra i 24 e i 28 anni.

Cambia anche la loro musica, che si arricchisce di contaminazioni anche se la base resta quella del pop rock. Sul palco, come nei testi, non manca mai l’ironia e un loro concerto diventa una forma particolare di arte che verte sull’intrattenimento dello spettatore: “Durante l’esibizione, scherziamo con il pubblico, cambiamo spesso i costumi di scena, ci divertiamo” afferma il cantante.

Qual è il segreto del vostro successo?

“Non abbiamo una vera e propria formula segreta, solo impegnarsi tanto, suonare in tanti concerti, essere pronti ad affrontare mille situazioni, trovarsi o mettersi addirittura in difficoltà, escogitando poi il modo di uscirne”.

Che cosa apprezza di voi il pubblico?

“Credo l’ironia e il fatto di proporre uno spettacolo che è interattivo e immediatamente coinvolgente”.

Qual è la vostra formazione artistica?

“Suoniamo da circa 10 anni. Io e il batterista venivamo dal metal e avevamo già inciso un disco. Poi con il nuovo chitarrista abbiamo subito nuove contaminazioni e ci siamo ulteriormente evoluti: ne è nato qualcosa di rock, misto quando allo swing, quando allo ska, e così via… non ci poniamo limiti!”

In autunno uscirà il vostro disco. Intanto per l’estate ci avete regalato “Maria Antonietta”. Una canzone che nasce da una vostra esperienza?

“No, anche se tutte le storie che raccontiamo possono essere situazioni reali. Maria Antonietta è lo stereotipo della ragazza che resta in attesa di un impegno serio mentre lui,  per la differenza d’età, non si decide a sposarla. Nel videoclip che abbiamo girato a Senigallia si vedono entrambi i due protagonisti della vicenda. In più ci siamo noi, elementi fastidiosi che corrono per conquistare il cuore della ragazza”.

“Maria Antonietta” è il singolo che anticipa il primo album dei CaPaBrò, la cui uscita è prevista ad Autunno 2017, per l’etichetta “Labella”. Aspettative?

“Costruire un pubblico consistente, girare l’italia ed essere sempre più seguiti!”

L’estate dei CaPaBrò?

“E’ in tour: abbiamo già fatto tappa in quasi tutte le regioni del centro e nord Italia. E l’autunno, con l’uscita del disco, sarà ancora più intenso ed emozionante, augurandoci che tutto possa andare nel verso giusto”.

Previste tappe anche “in casa”: i CaPaBrò suoneranno a Jesi il 16 agosto, all’American Graffiti, il 17 agosto a Staffolo per la Festa del Verdicchio e il 25 agosto saranno alle Cantine Vignamato. Tutte le info su: CaPaBrò.

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.