Capodanno, piazza in festa a Jesi nonostante il freddo | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Capodanno, piazza in festa a Jesi nonostante il freddo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 


JESI –  Il freddo non ha fermato la festa e sono migliaia gli jesini che hanno scelto di dare il benvenuto al nuovo anno in piazza. Ad accoglierli dal palco, allestito in piazza della Repubblica, la calorosa allegria di Selena Abatelli pronta al countdown al grido di “Teniamoci x Mano”, slogan e messaggio di una città che, anche nei momenti di gioia, non dimentica la paura e i momenti drammatici legati al sisma del 2016, mandando un segnale di solidarietà e vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto.

La serata promossa dal Comune di Jesi è iniziata con il Cenone presso la sala del Mercato delle Erbe (Mercantini) che ha registrato il tutto esaurito, raggiungendo il tetto massimo di 500 prenotazioni. Il Cenone anche quest’anno è stato reso possibile grazie al coordinamento della partecipata JesiServizi e la collaborazione con Onlus jesine quali IOM, Amicizia a domicilio ed ADRA. Durante la serata, tra una portata e l’altra, si sono alternati momenti di intrattenimento e animazione con la simpatia di Figaro. Grazie a IOM, sono stati raccolti 1600 euro che saranno consegnati al Comune di Jesi affinché, vengano destinati alla città di Arquata del Tronto per progetti di ricostruzione, unitamente all’intero ricavato della serata, al netto delle spese sostenute.

Alle ore 23.45 brindisi di augurio con spumante e panettone e poi tutti in piazza per il secondo appuntamento di solidarietà in piazza della Repubblica: all’apertura, la proiezione del video “Jesi a Muso Duro” e i saluti di Francesco Sardella che ne ha curato la direzione musicale. Poi il video “Teniamoci x Mano” a cura del Dream Day e dell’Ente Palio ha traghettato il pubblico fino al conto alla rovescia. Sul palco insieme alla presentatrice Selena Abatelli sono saliti per il brindisi di fine anno il sindaco Massimo Bacci, il vice sindaco Luca Butini, Emanuele Pàstina di Universal Event, Figaro e i componenti della band Strada Secondaria che, con la loro musica anni ’70-’80, hanno poi allietato la serata fino alle 2.00 sfidando le temperature sotto lo zero.  Di caldo c’era solo il vin brulè della casetta dell’Ente Palio San Floriano, a rendere per qualche attimo più sostenibile il freddo pungente.

Ringraziamenti alla città sono arrivati in un video da parte del sindaco e vice sindaco di Arquata del Tronto, grati per la rete di sostegno attivata nei confronti della loro comunità: “Il terremoto ha spezzato nelle nostre terre 51 vite – ha detto il sindaco di Arquata – Oltre alle macerie, sono molte le abitazioni lesionate da recuperare e mettere in sicurezza affinché sia possibile autorizzarvi il rientro dei proprietari. Poter ricostruire per ripartire è l’augurio che ci facciamo per questo 2017”.

“Energia è la parola chiave emersa dalla notte di Capodanno, espressa dalle persone che si sono ritrovate a migliaia per festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo, condividendo un momento di serenità ma anche l’impegno a costruire insieme il proprio futuro affinché sia sempre migliore, consapevoli delle difficoltà che molti si trovano ad affrontare, primi fra questi gli abitanti delle città vicine colpite dal sisma – sono le parole del vice sindaco Luca Butini a fine serata –  Energia che fa di questa città un luogo in cui è bello vivere, perché le persone si riconoscono, si rispettano, si abbracciano. Buon 2017 Jesi!”.

(C.C.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.