«Centro Storico come Identità della città»: l’appello ai candidati sindaco - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Centro Storico come Identità della città»: l’appello ai candidati sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Una visione controluce dei campinili di Jesi. Michael Levi ph

JESI- Il Centro Storico di Jesi come Identità della città: questo il principale obiettivo che si prefigge il Comitato Abitanti Centro Storico.

«Senza la percezione dell’insediamento romano, senza la zona medievale, senza le mura che abbracciano il Centro Storico, Jesi come luogo di nascita di Federico II e luogo del cuore, sarebbe un posto anonimo segnalato appena sulle cartine stradali». E’ quanto si legge in un comunicato del comitato di quartiere.

«Per questo riteniamo –  continua la nota-  che focalizzare l’attenzione sul Centro Storico è interesse di fronte alla città che ne verrebbe arricchita tutta, da Borgo Minonna a Colle Paradiso,  da San Giuseppe a Ponte Pio.

Serve un progetto specifico, dettagliato, di breve, medio e lungo termine, che possa rilanciare il Centro Storico sotto tutti gli aspetti, che si caratterizzi dal punto di vista architettonico, culturale e sociale. Serve un salto di qualità per rilanciare e riqualificare il nucleo antico dal punto di vista abitativo, rendendolo attrattivo e unico.”

Per raggiungere questi obiettivi, il comitato pone dei punti ai candidati sindaco da inserire nei vari programmi.

Tra i questi, si legge: «Istituzione di un servizio comunale con adeguate figure professionali, capace di intercettare fondi PNRR ed Europei per intervenire sul vecchio sistema fognario e i vari sottoservizi, operazione ormai non più derogabile, con il rifacimento della pavimentazione, ove necessario e abbattimento delle barriere architettoniche, dove possibile, curando di recuperare e adeguare alla pubblica fruibilità in previsione di usi sociali, culturali, turistici, ricettivi, i grandi contenitori architettonici oggi ancora senza chiari progetti di funzionalità».

Per indicarne alcuni molto espressivi: «Il vecchio Ospedale su Corso Matteotti, il Mercato ortofrutticolo (‘delle Erbe’) Palazzo Carotti, Complesso Mestica con annesso ex Museo archeologico , e Teatro Moriconi, Cantinone di Via San Marino, che potrebbe anche essere utilizzato, con un adeguato intervento di recupero, come un Centro di Aggregazione. Il Centro Storico è l’unica zona della città dove non è presente una struttura di ritrovo per giovani ed anziani».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.