Come la Vallesina può far “rete”

JESI – Alla Confartigianato di Jesi confronto imprese – Sindaci sul tema della riorganizzazione degli Enti locali e servizi convenzionati sul territorio. Come razionalizzare i costi delle Amministrazioni locali salvaguardando i servizi. In un importante incontro che si è svolto a Jesi ed è stato organizzato dalla Confartigianato le imprese del territorio hanno incontrato alcuni Primi cittadini della Vallesina e si sono confrontati sul tema della riorganizzazione degli Enti Locali. Presenti il Consigliere regionale Enzo Giancarli ed i Sindaci Massimo  Bacci di Jesi, Patrizia  Rosini di Staffolo, Andrea  Cesaroni di Castelbellino e Luigi Cerioni di Cupramontana.

Il summit, come hanno sottolineato nel corso dell’assemblea il Presidente e il Segretario della Confartigianato della Vallesina Cristina Brunori e Giuseppe Carancini, si è posto l’obiettivo di esaminare assieme ai rappresentanti delle Istituzioni quali possano essere le azioni strategicamente più idonee per rendere gli Enti Locali meno burocraticizzati e più reattivi nel fornire risposte veloci e certe ai cittadini ed alle imprese, per contenere i costi di gestione degli uffici pubblici e per efficientare i servizi da essi erogati.

Convenzioni, unioni o fusioni tra Comuni possono svolgere a tal fine un importante ruolo – ha sottolineato Gilberto Gasparoni Responsabile sindacale Confartigianato – Un esempio in tal senso è la ASP che fornisce servizi di assistenza sociale ai 21 Comuni della Vallesina che partecipano alla società.

Sono quindi intervenuti i Primi cittadini presenti all’incontro.

Il Sindaco di Staffolo Patrizia Rosini ha evidenziato come i piccoli Comuni facciano grande economia presidiando il territorio pur con piante organiche sottodimensionate; Andrea Cesaroni Sindaco di Castelbellino ha evidenziato i grandi risultati nell’efficientamento dei servizi conseguiti grazie alle convenzioni stipulate fra Comuni; Luigi Cerioni Sindaco di Cupramontana ha sottolineato il ruolo fondamentale dei Comuni nella salvaguardia di culture, peculiarità e tipicità del territorio; Massimo Bacci  Sindaco di Jesi  ha evidenziato le difficoltà in cui versano tutti i Comuni da quelli più grandi a quelli più piccoli per i continui tagli dei trasferimenti.

I Sindaci intervenuti hanno ribadito la massima disponibilità per convenzionare i servizi come quelli del trasporto pubblico, della polizia municipale, delle funzioni amministrative (Sportello SUAP), sociali per la gestione collettiva nelle Unioni comunali, ma al momento rifiutano i processi di fusione a meno che queste richieste vengano dal basso come è avvenuto nel nuovo Comune di Trecastelli nel senigalliese.

Il consigliere regionale Enzo  Giancarli ha evidenziato che anche la Regione Marche farà la sua parte nel sostenere i processi che vengono avanzati dalle comunità locali e nell’individuare specifiche risorse ed interventi che possano sostenere i processi di collaborazione ed unione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*