Comunità islamica di Jesi in marcia per la pace: “Dobbiamo vivere senza paura”

JESI – Oltre un centinaio di persone hanno preso parte alla marcia della pace questo pomeriggio, iniziativa organizzata e promossa dalla comunità islamica Al Huda contro tutti i terrorismi. Nel pomeriggio di oggi, dall’Arco Clementino una rappresentanza delle comunità islamiche del territorio – una quarantina di persone – in testa al corteo ha guidato la marcia lungo corso Matteotti fino a Piazza della Repubblica: uniti con loro nel messaggio di pace, esponenti della Giunta e del Consiglio comunale  – assente Lega Nord – movimenti politici e sociali, la Consulta della Pace, associazioni di volontariato come Avis e Croce Rossa. Insieme al vice sindaco Luca Butini, il consigliere comunale straniero Islam Fokhrul Kazi e il presidente del Centro Al Huda Wahbi Youssef. C’era anche il vescovo Don Gerardo e rappresentanti della comunità diocesana.

“Noi tutti respingiamo con forza il terrorismo perché contrario ai valori della nostra fede. È un messaggio sbagliato che non ci appartiene, non rappresenta l’Islam – così il presidente di Al Huda dal palco rivolgendo una preghiera per le vittime del terrorismo – Dobbiamo vivere senza paura. Non consideriamo la razza o la religione ma valutiamo la persona. Questo l’invito e le porte del centro culturale islamico rimarrano sempre aperte a tutti”.

“La comunità Jesi sta cercando di adottare strumenti per non cadere in ideologie sbagliate – è l’intervento del vice sindaco Butini – Apprezzata e condivisa la necessità della comunità islamica jesina di esprimere il proprio pensiero pubblicamente qui in piazza. Come Amministrazione comunale proporremo sempre più soluzioni volte al dialogo, facendo della diversità un’occasione di crescita”.

Parole di gratitudine da parte del Vescovo per l’iniziativa e la volontà di esprimere ciò che realmente si pensa, affermando, citando il profeta Ezechiele, che “un cuore nuovo inizia dall’educazione”.

Applauditi gli interventi di Paolo Gubbi, presidente della Consulta della Pace e dei rappresentanti delle comunità islamiche di Castelferretti, Macerata, Fabriano e del Bangladesh.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*