Consulta della Pace di Jesi: "La sfida dei potenti attorno ai tavoli di pace" | | Password Magazine

Consulta della Pace di Jesi: “La sfida dei potenti attorno ai tavoli di pace”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La Consulta per la Pace esprime la sua più grande preoccupazione per gli ultimi eventi che stanno facendo salire la tensione mondiale a livelli mai visti fino ad ora.
Condanna, altresì, tutte le azioni militari intraprese e le minacce gridate da coloro che intendono sfidarsi per il controllo del pianeta mascherandosi dietro i soliti discorsi di “esportare la democrazia” e di “garantire la pace” bombardando territori già martoriati da guerre di cui non si vede ancora la fine.
Ai potenti del mondo, la Consulta chiede di “sfidarsi” attorno ad un tavolo di Pace in cui ognuno metta in campo tutte le risorse umane che può, affinchè cessi questa corsa militare e di supremazia degli uni sugli altri.
Non si può più tollerare questa indifferenza mediatica mondiale di fronte a questi avvenimenti e chiede al “Popolo della Pace” di scendere nelle piazze, e manifestare il suo dissenso, la sua condanna e la sua preoccupazione per un futuro che si prospetta sempre più insidioso.
E agli schieramenti politici italiani chiede di unirsi al “Popolo della Pace” supportandolo in questa azione, senza distinzione di colore e credo, perché non c’è altro valore più importante ed universale della Pace.

Paolo Gubbi, Consulta della Pace di Jesi

La Consulta infine, per sottolineare ulteriormente la propria indignazione, ricorda l’Art. 11 della Costituzione Italiana “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa della libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni…”

Comunicato da: Paolo Gubbi – Coordinatore Consulta per la Pace di Jesi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.