Cupramontana, il padre confessa l'omicidio del piccolo Hamid | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Cupramontana, il padre confessa l’omicidio del piccolo Hamid

Il padre, Besart Ineri, 24 anni macedone, ha confessato agli inquirenti l’omicidio del figlio di 5 anni, avvenuto nel pomeriggio di ieri a Cupramontana in provincia di Ancona. Lo confermano i Carabinieri.

Foto Ballarini

CUPRAMONTANA – «Ancora una prova per la nostra comunità. Per noi tutti, un pensiero sgomento, incredulo, partecipe e doloroso per questa giovanissima e innocente vita che drammaticamente e tragicamente si e’ spenta». Sono le parole del sindaco di Cupramontana Luigi Cerioni alla notizia dell’omicidio del piccolo Hamid, il bambino di cinque anni trovato morto ieri pomeriggio (4 gennaio) nel suo appartamento al terzo piano di una palazzina di via Bonanni, dove viveva con il papà, il fratellino di 2 anni e la mamma in dolce attesa del terzo figlio. La tragedia arriva a pochi mesi dalla vicenda di Mariya, la giovane studentessa di Cupramontana che nel mese di ottobre si è tolta la vita impiccandosi ad un albero di olivo in via Eremo della Romita.

Foto Ballarini

Il padre, Besart Ineri, 24 anni macedone, ha confessato agli inquirenti l’omicidio del figlio di 5 anni, avvenuto nel pomeriggio di ieri a Cupramontana. Lo confermano i Carabinieri.

Come già rilevato da una prima ispezione sul cadavere, eseguita dal medico legale Mauro Pesaresi, il piccolo sarebbe stato strozzato a mani nude. Sul corpicino mancherebbero infatti tracce di sangue o segni immediatamente visibili di violenza ad eccezione di quelli riscontrati sul collo dal medico legale e il sangue fuoriuscito dal naso. Le cause precise della morte saranno  però chiarite solo dall’autopsia che verrà eseguita oggi agli Ospedali Riuniti di Ancona.

Il padre, disoccupato da alcuni mesi e  in cura per problemi psichiatrici, era stato subito condotto in caserma dai carabinieri, sospettato di omicidio: dopo un interrogatorio fiume durato tutta la notte l’uomo avrebbe fatto parziali ammissionisufficienti per arrestarlo e condurlo nel carcere di Montacuto ad Ancona.

Secondo una prima ricostruzione, il bambino sarebbe stato afferrato per il collo fuori della palazzina di tre piani in via Bonanni, probabilmente dentro l’auto del padre, una Toyota Yaris, parcheggiata a pochi metri da casa e anche questa posta sotto sequestro dai militari. Poi il piccolo sarebbe stato portato nella casa ancora agonizzante, forse da altri familiari. A quel punto, intorno alle 18.30, sarebbe partita la richiesta di soccorso alla Croce Verde di Cupramontana.

Foto Ballarini

I sanitari intervenuti sul luogo hanno cercato di rianimare il piccolo per circa 40 minuti, ma invano.

Sotto choc la madre, 24enne e incinta, non presente in casa e informata solo dopo della tragedia: alla notizia, ha avuto un malore ed è stata soccorsa dal 118 e trasportata all’ospedale di Jesi dove ancora è ricoverata.

Ancora da capire le motivazioni che hanno spinto il giovane macedone ad uccidere il proprio figlio. La Procura ha disposto comunque l’autopsia sul corpo del piccolo.

Aggiornato il 5 gennaio ore 13.17

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.