Domenica al “Pergolesi”, attori disabili incontrano la magia dell’Opera Lirica

JESI – Dopo il grande successo del XVI Festival Pergolesi Spontini e aspettando l’avvio di “Opera Ancona Jesi” al Teatro Pergolesi di Jesi per la 49° Stagione Lirica di Tradizione, il palcoscenico del “Pergolesi” si anima con “Romeo e Giulietta…?” esito finale del laboratorio di Teatralità “OperaH”, in scena domenica 2 ottobre alle ore 17 nell’ambito del progetto Social Opera2015-2016 della Fondazione Pergolesi Spontini.

Lo spettacolo ad ingresso gratuito è liberamente ispirato a I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini, e vede in scena – tra gli altri – attori disabili utenti dei servizi socio-sanitari della Vallesina che hanno preso parte nei mesi scorsi al laboratorio di teatralità Operah.

Il laboratorio, di cui lo spettacolo è l’esito finale, è stato avviato nei mesi scorsi nella convinzione che anche le persone in situazione di disagio debbano essere messe in condizione di incontrare i valori musicali ed emozionali dell’opera lirica. Questo lo spirito del progetto Social Opera, la manifestazione della Fondazione Pergolesi Spontini, a cura di Silvano Sbarbati nata da un capillare lavoro di sensibilizzazione verso il melodramma nelle scuole, associazioni, servizi socio-sanitari del territorio.

Il laboratorio è stato condotto da Antonio Cuccaro e dagli educatori Mariano Fagioli e Silvia Tobaldi, con il sostegno delComune di Jesi – ASP Azienda Pubblica Servizi alla Persona Ambito 9, Asur – Area Vasta 2 zona Territoriale 5, UMEA Unità multidisciplinare età adulta Asur ZT 5, e della Cooss Marche.

Le scene dello spettacolo sono state realizzate nel laboratorio di scenografia della Fondazione Pergolesi Spontini dagli studenti del Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi nell’ambito della terza edizione del corso di formazione in scenografia teatrale e scenotecnica progetto “Banco di scena” ideato da Massimo Ippoliti e Paolo F. Appignanesi. Il coordinamento della progettazione e realizzazione scene è a cura di Frediano Brandetti e Ilaria Sebastianelli.

Partecipano alla serata, inoltre, alcuni allievi della scuola di danza Nuovo Spazio Studio Danza a.s.d. di Mariella Strappa e i partecipanti al laboratorio di teatralità Sensibilirica condotto dal dott. Silvano Sbarbati in collaborazione e con il contributo della Direzione del Dipartimento di Salute Mentale Asur ZT 5 di Jesi.

Foto a cura di: ADRIANA ARGALIA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*