ArcaFelice all'asta: Jesi città in liquadizione? | | Password Magazine

ArcaFelice all’asta: Jesi città in liquadizione?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Scade il 28 aprile il termine per la presentazione delle offerte per la casa colonica e gli annessi agricoli in via Minonna della ex azienda agraria del Comune Arcafelice, messa all’asta pubblica per un prezzo a base di 236 mila euro insieme ai terreni comunali di via Minonna a partire da 158.500 euro.

Ha già fruttato al Comune oltre 400 mila euro la vendita dei beni della ex società pubblica, messa in liquidazione nel 2015: 300 mila euro dalla cessione del bestiame, 83 mila euro da quella dei titoli Pac che danno accesso agli incentivi comunitari, 24 mila euro dalla alienazione di beni e attrezzature (ancora di recente una cella frigorifera).

Nel vedere piazzato sul mercato quanto resta, Jesi in Comune e il suo candidato sindaco Samuele Animali lanciano una critica all’Amministrazione, parlando di Jesi come città in liquidazione: “Che tristezza vedere in giro per la città dei manifesti belli colorati che pubblicizzano la vendita della casa colonica e dei terreni della ex società agricola comunale Arcafelice. L’Amministrazione comunale ha deciso per la chiusura di Arcafelice già dal 2015, il punto vendita è sparito e la produzione ormai un lontano ricordo, ma fa comunque una gran tristezza assistere alla svendita di quello che era un vanto per la nostra città, invidiatoci da altri centri della provincia e anche da fuori”.

Per Jesi in Comune si trattava di “una società che allevava animali in maniera sana e biologica, rivendendo direttamente la carne a prezzi equi e offrendo un servizio, alimentare ma soprattutto culturale e sociale, di ottima qualità, con bilanci che potevano essere mantenuti in equilibrio. Un servizio che riforniva le mense scolastiche cittadine, garantendo un’alimentazione più che sana e soprattutto, un’educazione alimentare ai bambini delle scuole cittadine, affiancata anche dall’attività della fattoria didattica. Persino da privatizzata, se non fosse stata smembrata, Arcafelice poteva continuare ad essere di impulso a processi di sviluppo economico e culturale”.

A replicare è Jesiamo: “Continuare a credere che Arcafelice sia stata una bella favola che avrebbe potuto avere un lieto fine significa o essere ingenui o essere in assoluta malafede – si legge nella replica inviata alla stampa –
Basta parlare con una qualunque associazione di categoria del settore agricolo (ve ne sono ben quattro riconosciute a livello nazionale) per capire che quella messa in piedi a Jesi era una azienda che non avrebbe mai potuto avere una sua sostenibilità economica e sarebbe costata cara ai cittadini. Come puntualmente è accaduto”. Per Jesiamo, “va riconosciuto all’Amministrazione Bacci di essersi fatti carico anche di questo problema ed averlo positivamente risolto” per una serie di motivi: “Dal 2012 al 2015 Arcafelice ha rimesso oltre un milione di euro. Una cifra spropositata. D’altra parte un’azienda di allevamento non è compatibile con l’essere pubblica, dovendo sottostare a costi (personale, amministrazione, ecc.) necessariamente maggiori di un’azienda privata gestita a carattere familiare, come lo è la quasi totalità degli allevamenti marchigiani. Peraltro i primi bandi con i quali si è provato a vendere l’azienda agraria nel suo insieme sono andati completamente deserti, a conferma che non era più (o probabilmente non lo era mai stata) una realtà appetibile dai privati”.
In secondo luogo, “la carne non costava poco, anzi; trattandosi di un prodotto di alta qualità i suoi prezzi erano tutt’altro che competitivi; crisi economica e dei consumi hanno poi portato ad un crollo delle vendite, penalizzando fortemente anche il valore delle rimanenze. Terzo: la carne biologica alle mense scolastiche continua ad essere fornita regolarmente, peraltro con certificazioni di massima qualità (quella di Bovinmarche) ed a prezzi di mercato, dunque decisamente più bassi di quelli di Arcafelice”. Va aggiunto è che “l’attività della fattoria didattica non era pubblica, ma svolta da una ditta privata che continua regolarmente a portarla avanti in altro loco, tra l’altro con spazi più ampi e migliori. Quinto e non ultimo in ordine di importanza: il Comune è tenuto ad erogare beni e servizi alla Comunità nel rispetto delle sue funzioni che devono perseguire l’interesse pubblico e che non sono certamente quelle di carattere commerciale di un allevatore o un macellaio. Tanto più se le esercita con gravi rimesse economiche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.