Eredità Morosetti, due milioni e un anno di tempo per spostare l'obelisco | Password Magazine
Festival Pergolesi

Eredità Morosetti, due milioni e un anno di tempo per spostare l’obelisco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un anno di tempo per riportare l’obelisco al centro di piazza della Repubblica o addio eredità. Questo il vincolo temporale imposto dall’artista benefattore, di origine jesina, Cassio Morosetti scomparso lo scorso marzo lasciando alla città due milioni di euro, a patto che l’obelisco e la fontana, attualmente situati in Piazza Federico II, vengano spostati nella sede originaria di Piazza della Repubblica. Il progetto dovrà essere completato e i lavori avviati entro un anno dalla registrazione del testamento, avvenuta il 22 luglio 2020.

Il Sindaco di Jesi Massimo Bacci si è espresso a riguardo affermando che «le condizioni che ha posto Cassio Morosetti sono stringenti e i tempi serrati considerate le procedure amministrative. Ci sarebbe necessità di fare un nuovo progetto di Piazza della Repubblica, di chiedere varie autorizzazioni, compresa quella della Sovrintendenza, e di mettere al bando il progetto per l’esecuzione dei lavori». Nello specifico, se si decidesse in tal senso, per fine ottobre dovrebbe già essere affidato l’incarico per la progettazione, al fine di avere l’esecutivo redatto per la fine dell’anno e arrivare a gennaio con la possibilità di fare la gara e dar seguito ai lavori. «Mi sembra quasi impossibile, l’unico spiraglio potrebbe arrivare dal Decreto Semplificazioni, che semplifica le procedure amministrative, ma il rischio oggettivo permane» continua il Sindaco.

Le criticità del progetto non riguardano solo i tempi brevissimi, ma anche la necessità di rinnovare Piazza della Repubblica e l’impianto idrico, poiché è espressa volontà di Morosetti quella di allacciare la fontana all’acquedotto per farla zampillare. La questione sarà comunque discussa in Consiglio Comunale a settembre nell’ambito della revisione del piano delle opere pubbliche e valutata in modo approfondito. «Tuttavia – chiarisce il Primo cittadino – i tempi stringenti fanno davvero pensare che sarà difficile poter adempiere a quelle che sono state le volontà di Morosetti».

Il Sindaco Bacci rende inoltre noto che qualora il Comune di Jesi non realizzasse la traslazione della fontana, come da testamento, il contributo di due milioni di euro andrebbe a tre associazioni benefiche, di cui una del territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.